Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

EARLY MODERN PALACES, REAL AND IMAGINED: CONVERSATIONS, DESCRIPTIONS, AND REPRESENTATIONS CONFERENZA 17-18 NOVEMBRE


EARLY MODERN PALACES, REAL AND IMAGINED: CONVERSATIONS, DESCRIPTIONS, AND REPRESENTATIONS CONFERENZA 17-18 NOVEMBRE

La Galleria Borghese ha organizzato in collaborazione con la British School at Rome (Harriet O’Neill) e con l’Università La Sapienza di Roma (Francesco Freddolini e Caterina Volpi) la conferenza Early Modern Palaces, Real and Imagined: Conversations, Descriptions, and Representations, che si svolgerà nelle seguenti giornate:

 

– Mercoledì 17 novembre, 19.00-19.45 (CET) – keynote di Gail Feigenbaum – Galleria Borghese.

Evento solo online con prenotazione obbligatoria al seguente link

 

– Giovedì 18 novembre, 9.30-17.15 (CET) – conferenza principale alla British School at Rome.

Evento in presenza, fino ad esaurimento posti e previa prenotazione obbligatoria al seguente link e online con prenotazione obbligatoria al seguente link

 

Obiettivo della conferenza è approfondire come le conversazioni nate all’interno dei primi palazzi moderni, le descrizioni letterarie di dimore reali e immaginarie, le descrizioni contenute negli scambi epistolari e in altre fonti testuali, così come le testimonianze visive quali ad esempio i disegni di spazi interni, abbiano plasmato le idee sui primi palazzi moderni in tutta Europa come spazi di socialità, esposizione, incontri e performance sociale.

 

I palazzi come luoghi del collezionismo e dell’allestimento sono stati oggetto di quasi quattro decenni di ricerca. Gli studi si sono concentrati su centri specifici come Roma, Parigi, Londra e Firenze. Gli organizzatori del convegno ritengono che adottare un approccio tematico, concentrandosi sulle descrizioni dei luoghi, riveli molto su come le interazioni sociali che avvenivano nei palazzi, oltre ai resoconti letterari e agli scambi di informazioni, abbiano generato comunanze, innescato competizioni e rafforzato differenze. Il convegno si propone dunque di adottare una lente critica sui materiali, sia letterari che iconografici, indagando la relazione della letteratura e della poesia con la materialità degli interni. I palazzi saranno visti come il luogo della conversazione, sia quella erudita che quella familiare, in modo da ricostruire la tradizione di discussioni e di impressioni che nel tempo hanno animato le stanze e si sono depositate sulla superficie dei quadri, condizionando i nostri sguardi.

 

La conferenza approfondisce inoltre il rapporto tra palazzi concreti e immaginari del primo periodo moderno di un’ampia area geografica, con un’attenzione specifica alla loro decorazione interna, alla materialità delle opere in essi contenute e all’allestimento. Questo approccio tematico può favorire una prospettiva comparativa sull’argomento, in tutta Europa e oltre. Gli articoli affronteranno le seguenti domande: come si sono adattati il collezionismo e l’allestimento in relazione alle conversazioni nate di fronte alle opere d’arte con sempre maggiore frequenza? Come hanno contribuito i testi alla reputazione e alla fama dei palazzi? In che modo i palazzi immaginari hanno influenzato la progettazione delle residenze reali e la materialità dei loro interni? Come arrivarono in Europa le idee sui palazzi esotici attraverso i discorsi sulla magnificenza e lo splendore?

 

Scarica il programma

 



Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa