il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito

Allegoria del Creato


Autore

Zucchi Jacopo
Firenze 1540-41 - Roma 1595-96)

Tipologia

pittura

Periodo

'500

Inventario

293

Tecnica

olio su rame, cm 49 x 39

L’opera, citata dal Baglione (1642), come di Jacopo Zucchi nello studiolo di Ferdinando de’ Medici, dove era anche La pesca del corallo, conservata Galleria Borghese. Citato in collezione Borghese a partire dal 1693, il piccolo dipinto, tuttavia, era erroneamente riferito al Cavalier d’Arpino. Il soggetto rappresentato è un’insolita allegoria della creazione, la cui fonte ispiratrice è stata identificata nei salmi della Bibbia, seppure siano stati riconosciuti anche altri riferimenti. Nella sfera armillare, mostrata dalla figura maschile, identificabile come il genio umano, si legge “Omnia in sapientia fecisti et subiecisti sub pedibus eius”. Con notevole maestria Zucchi ha evidenziato un considerevole numero di dettagli, animali e vegetali. La datazione al 1585 è stata avanzata per la somiglianza con pala in S. Giovanni Decollato a Roma.