Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Bagno di Venere

Scarsella Ippolito detto Scarsellino
(Ferrara 1550 ca. - 1620)


La tela, citata nell’inventario di Scipione Borghese databile al 1615-30, è ritenuta pendant di Salmaci ed Ermafrodito, anche se realizzato su un diverso supporto. Lo stile è infatti perfettamente coerente con l’intonazione felicemente narrativa espressa dallo Scarsellino nelle sue favole mitologiche. Nella scena, dal cielo percorso da striature, Venere sta per uscire dall’acqua assistita da putti che le porgono panni asciugati al calore del fuoco.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 45 x 57


Inventario | 219

Posizione | Sala 11 – Sala ​della pittura ferrarese


Periodo | '500


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa