Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Bozzetto della statua equestre di Luigi XIV

1669 -1670

Bernini Gian Lorenzo
(Napoli 1598 - Roma 1680)


Il piccolo gruppo in terracotta raffigura Luigi XIV di Francia con indosso una corazza e con lo scettro in mano, mentre cavalca un cavallo rampante sostenuto da rocce.

Si tratta del bozzetto preparatorio per la grande statua equestre commissionata a Gian Lorenzo Bernini dal sovrano francese per essere collocata in una piazza parigina. La scultura, eseguita da pensionanti dell’Accademia di Francia a Roma, non piacque al committente e fu collocata nell’Orangerie della reggia di Versailles, dopo essere stata trasformata da François Girardon in un Marco Curzio.

Caratterizzato da grande vitalità e vigorosa modellazione, il bozzetto mostra un’evidente derivazione dalla statua dell’imperatore Costantino, che l’artista aveva eseguito poco tempo prima per la Scala Regia in Vaticano, così come esplicitamente richiesto dal ministro delle finanze del re Jean-Baptiste Colbert all’artista.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | terracotta


Misure | altezza cm 76


Inventario | CCLXIX

Posizione | Sala 14 – Loggia ​di Lanfranco


Periodo | '600


Tipologia | scultura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Mostre
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

L’esecuzione di un ritratto equestre del re Sole era stata proposta a Bernini già durante il suo soggiorno parigino, senza però che ad essa si desse seguito (Fréart de Chantelou 1665, 13 agosto). Solo due anni dopo il rientro in patria, Jean-Baptiste Colbert in una lettera del dicembre 1667 chiese a Bernini di procedere con l’opera. Nell’estate del 1669 giunse nel suo studio il blocco di marmo, cui lo scultore non mise mano per anni. Il presente modello è considerato l’originale, eseguito di sua mano, come Bernini ebbe ad assicurare al committente che avrebbe fatto. È probabile che nei programmi iniziali dell’artista, ormai settantenne, l’esecuzione della scultura dovesse essere affidata in massima parte ai suoi esperti assistenti, ma, poiché dal 1666 egli aveva cominciato a ricevere una pensione dalla corte francese, d’accordo con Colbert, decise di riservarne l’esecuzione agli studenti della neonata Accademia di Francia a Roma(l’intero carteggio è pubblicato da Wittkower 1961, I, pp. 519-521), fatta eccezione per il volto, di cui si sarebbe occupato personalmente. Iniziata nel 1671, la scultura fu completata solo nel 1677 o 1678 e nel 1680, alla morte di Bernini, era ancora in attesa di essere spedita a Parigi. Quando nel 1685 il re finalmente la vide non la apprezzò e ne chiese addirittura la distruzione, accettando poi che venisse trasformata nella rappresentazione dell’eroe romano Marco Curzio ad opera dello scultore francese François Girardon. Essa si trova tuttora nell’Orangerie di Versailles.

Caratterizzato da grande vitalità e vigorosa modellazione, il bozzetto mostra un’evidente derivazione dalla statua dell’imperatore Costantino, che l’artista aveva eseguito poco tempo prima per la Scala Regia in Vaticano, così come esplicitamente richiesto da Colbert all’artista, con le variazioni relative alla direzione dello sguardo –Costantino era raffigurato in adorazione della Croce – e alla posizione, che per il sovrano francese doveva esprimere maestà e potere.

Il modello è stato eseguito applicando e modellando la terracotta intorno a un materiale riempitivo, in seguito rimosso. Perni di vario spessore sono stati utilizzati per le zampe del cavallo e per braccia e gambe del sovrano. Su gola, corazza e piedi di quest’ultimo sono stati rinvenuti segni di marcatura, utilizzati per l’ingrandimento, mentre le rigature lungo la superficie, funzionali all’irradiazione della luce (riflessa in maniera diversa dalla terracotta rispetto al marmo), potrebbero aver avuto una funzione “didattica”, suggerendo agli studenti francesi la direzione in cui muovere gli strumenti (Barberini, in Bernini, 2017, p. 301). Il modello ha subito in passato restauri ed integrazioni, riconoscibili soprattutto nelle zampe anteriori e nella coda del cavallo, nei piedi e nel bastone impugnato da Luigi XIV, ed è stato coperto da una patina tesa ad uniformarne la colorazione (Dickerson, Siegel 2012, p. 226).

Nel Museo Nazionale del Palazzo di Venezia si conserva un frammento di studio in terracotta relativo alla parte posteriore di un cavallo, riferito al monumento di Luigi XIV (Barberini 1991, p. 49).

Un disegno di presentazione dell’opera, considerato autografo di Bernini e tratto dal modello in terracotta, è conservato al Museo Civico di Bassano (Barberini, in Bernini, 2017, pp. 302-303, cat. VIII.19), mentre altri due, prodotti dalla sua bottega, sono alla National Gallery di Edimburgo.

 

 

 

Sonja Felici

close
Provenienza
Open Chiudi

Mattia de’ Rossi, 1695 (Dickerson 2012, p. 226); Ernest Crosnier, ante 1905; Édouard Aynard, 1905 (Galerie Georges Petit, Parigi, 5 dicembre 1905, l. 119); Alessandro Contini Bonaccossi, 1913 (Galerie Georges Petit, Parigi, 4 dicembre 1913, l. 308); donazione allo Stato, 1926.

close
Mostre
Open Chiudi

1932 Roma

1998 Roma

1999 Roma

2017-2018 Roma

close
Restauri
Open Chiudi

1996/ 1998 Persichelli L

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

P. Fréart de Chantelou, Diary of the Cavaliere Bernini’s Visit to France, a cura di Anthony Blunt, George C. Bauer, Princeton 1985, p. 117 (13 agosto).

G. Baba, La statua equestre di Luigi XIV Re di Francia di Navarra etc… L’Adeodato, Il Conquistatore, Scoltura del Cavalier Gio. Lorenzo Bernina, Bologna 1679,

P. Cureau De la Chambre, Préface pour servir à l’histoire de la vie et des ouvrages du Cavalier Bernini, Paris 1681, p. 22 ss.

Filippo Baldinucci, Vita Del Cavaliere Gio. Lorenzo Bernino Scultore, Architetto, e Pittore, Firenze 1682, p. 53.

D. Bernini, Vita del Cavalier Gio. Lorenzo Bernino, Roma 1713, p. 146 ss.

I. Faldi, Galleria Borghese. Le sculture dal sec. XVI al XIX, Roma 1954, pp.41-42, n. 38.

R. Wittkower, Gian Lorenzo Bernini: the sculptor of the Roman baroque, London 1955, pp. 235-236, n. 74.

R. Wittkower, The Vicissitudes of a Dynastic Monument. Bernini’s Equestrian Statue of Louis XIV, in De artibus opuscula. XL. Essays in Honour of Erwin Panofsky, New York 1961, I, pp. 497-531.

P. Della Pergola, Bernini: tous les Chefs-d’oeuvre du Bernini à Rome, à Florence, à Londres, etc., Roma 1963, p. 2.

G. Matzulevitsch, Tre bozzetti di G.L. Bernini all’Ermitage di Leningrado, in “Bollettino d’Arte”, XLVIII, 1963, p. 73 ss.

Gianlorenzo Bernini, a cura di L. Grassi, F. Pansecchi, G. Falcidia, Roma 1962, pp. 122-123.

H. Hibbard, Bernini, Harmondsworth 1965, pp. 182, 211-213, 244, n. 212.

P. Volk, Darstellungen Ludwigs XIV, auf steigendem Pferd, in “Wallraf-Richartz-Jahrbuch”, 28, 1966, pp. 61-89.

R. Wittkower, Gian Lorenzo Bernini: The Sculptor of the Roman Baroque, London 1966, pp. 254-255, n. 74.

Bernini. Una introduzione al gran teatro del barocco, a cura di M. Fagiolo dell’Arco, M. Fagiolo, Roma 1967, pp. 148-150, n. 224.

U. Keller, Reitermonumente absolutistischer Fürsten: staatstheoretische Voraussetzungen und politiche Funktionen, München 1971, p. 68 ss.

V. Mariani, Gian Lorenzo Bernini, Napoli 1974, pp. 89-90.

D. A. Rosenthal, A source for Bernini’s Louis XIV monument, in “Gazette des Beaux-Arts”, 118, 1976, pp. 231-233.

L. Paoletti, Il Bernini in Roma, Poggibonsi 1980, p. 120.

R. W. Berger, Bernini’s Louis XIV equestrian, a closer examination of its fortunes at Versailles, in “The Art Bulletin”, 63, 1981, pp. 232-248.

J. Białostocki, Giovanni Lorenzo Bernini: mit 13 farbigen Tafeln und 36 einfarbigen Abbildungen, Berlin 1981, n. 27.

M. Fagiolo, A. Cipriani, Bernini, Roma 1981, p. 30.

C. Gould, Bernini in France. An Episode in Seventeenth­Century History, London 1981, pp. 124-130.

Le collezioni della Galleria Borghese, a cura di S. Staccioli, P. Moreno, Milano 1981, p. 70, n. 88.

G. Walton, Bernini’s equestrian Louis XIV, in “The Art Bulletin”, 64, 1982, pp. 319-320.

M. Martin, Les Monuments équestres de Louis XIV, une grande entreprise de propaganda monarchique, Paris 1986, pp. 46-50.

I. Lavin, Le Bernin et son image du Roi-Soleil, in “Il se renditen Italie” études offertes à André Chastel, Paris 1987, pp. 441-465.

M. Laurain-Portemer, Fortuna e sfortuna di Bernini nella Francia di Mazzarino, in Gian Lorenzo Bernini e le arti visive, a cura di M. Fagiolo, Roma 1987, pp. 113-138.

S. Hoog, Le Bernin. Louis XIV, une statue “déplacée”, Paris 1989.

R. Wittkower, Gian Lorenzo Bernini: The Sculptor of the Roman Baroque, 2a ed. riveduta e ampliata, London 1966, trad. it. Milano 1990, p. 293, n. 74.

C. Scribner, Gian Lorenzo Bernini, New York 1991, pp. 116.

Sculture in terracotta del Barocco romano. Bozzetti e modelli del Museo Nazionale del Palazzo Venezia, a cura di M. G. Barberini, Roma 1991, p. 49.

P. Burke, The Fabrication of Louis XIV, New Haven-London 1992, pp. 32-35.

I. Lavin, L’immagine berniniana del Re Sole, in Il barocco romano e l’Europa, a cura di M. Fagiolo, M. L. Madonna, Roma 1992, pp. 3-57.

I. Lavin, Past-Present. Essays on Historicism in Art from Donatello to Picasso, Berkeley-Los Angeles-Oxford 1993, pp. 101-200.

M. Fumaroli, Cross, crown, and tiara: the Constantine myth between Paris and Rome (1590-1690), in Piero della Francesca and his legacy a cura di M. Aronberg Lavin, Washington 1995, p. 99.

C. Avery, Bernini: Genius of the Baroque, London 1997, pp. 245-248, 278.

K. Herrmann-Fiore, in Bernini scultore. La nascita del Barocco in casa Borghese, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese 1998), a cura di A. Coliva, S. Schütze, Roma 1998, pp. 310-329, cat. 32.

K. Herrmann-Fiore, in Gian Lorenzo Bernini regista del Barocco, catalogo della mostra (Roma, Palazzo Venezia, 1999), a cura di M. G. Bernardini, M. Fagiolo Dell’Arco, Milano 1999, pp. 342-344, cat. 58.

P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, pp. 310-311, fig. 24.

M. Fagiolo Dell’Arco, Berniniana. Novità sul regista del barocco, Milano 2002, pp. 120-123.

C.D. Dickerson III, in Bernini: sculpting in clay, catalogo della mostra (New York, Metropolitan Museum, 2012-2013, Fort Worth, Kimbell Art Museum, 2013), a cura di C.D. Dickerson III, A. Sigel, I. Wardropper, New Haven 2012, pp. 226-231, cat. 24.

R. Carloni, Palazzo Bernini al Corso: dai Manfroni ai Bernini; storia del palazzo dal XVI al XX secolo e della raccolta di Gian Lorenzo Bernini, Roma 2013, p. 194, n. 109.

M. G. Barberini, in Bernini, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2017-2018), a cura di A. Bacchi, A. Coliva, Milano 2017, pp. 300-301, cat. VIII.18, pp. 302-303, cat. VIII.19.

Scheda di catalogo 12/01008677 Russo L., 1981; agg. Felici S., 2020.

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa