Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Busto di Scipione Borghese

1632

Bernini Gian Lorenzo
(Napoli 1598 - Roma 1680)


Scipione Borghese viene ritratto nel 1632 da Gian Lorenzo Bernini con la testa leggermente rivolta a sinistra e la bocca socchiusa, come se qualcuno lo avesse interrotto durante una conversazione.

La scelta di conferire una dimensione intima alla rappresentazione, declinata comunque secondo i canoni dell’ufficialità, segna un punto di svolta stilistico e formale nella produzione berniniana di busti. Primo fra i “ritratti parlanti” eseguiti dallo scultore, il busto di Scipione Borghese colpisce per la profonda resa psicologica e la potente forza espressiva.

Una crepa, apertasi sulla fronte del cardinale quando Bernini aveva ormai concluso il busto, costrinse lo scultore ad eseguirne una replica in tutta fretta – in quindici nottate secondo il racconto di Filippo Baldinucci, in tre giorni secondo suo figlio Domenico – arricchendo l’aneddotica sul suo incredibile virtuosismo.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | marmo di Carrara


Misure | altezza cm 77,2


Inventario | CCLXV

Posizione | Sala 14 – Loggia ​di Lanfranco


Periodo | '600


Tipologia | scultura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Mostre
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

Scheda

Figlio di Ortensia Borghese, sorella di Paolo V, e di Francesco Caffarelli, Scipione Caffarelli Borghese venne adottato dallo zio Camillo a soli due mesi dall’elezione al soglio pontificio. Per tutta la durata del pontificato dello zio ricoprì cariche di grande responsabilità e potere: capo della Consulta, segretario dei Brevi, gran penitenziere, camerlengo, prefetto della segnatura di Grazia, per citarne solo alcune.

Il cardinale attese però fino al 1632, un decennio dopo la morte dello zio, per aggiungere alla sua collezione un proprio ritratto commissionato a Gian Lorenzo Bernini dal pontefice Urbano VIII, per il quale lo scultore ormai lavorava a tempo pieno nella basilica di San Pietro. “Il Cavalier Bernini di commissione del papa, ha fatto in marmo la testa del card. Borghese, che li ha donato in ricompensa 500 zecchini et un diamante di 150 scudi” (Archivio segreto estense, Cancelleria Ducale, Avvisi e Notizie dall’estero, busta 13, 5294/101, in Fraschetti, Il Bernini, 1900, p. 106 ss.). Il busto risulta essere stato pagato 500 scudi da Scipione Borghese nel dicembre del 1632 (Archivio Segreto Vaticano, Archivio Borghese, Registro dei Mandati dell’Eminentissimo Cardinale Scipione Borghese, fol. 252, n. 491, in Hibbard, Un nuovo documento, 1961, pp. 101, 105).

L’attesa fu ripagata da quest’opera straordinaria, in cui lo scultore dà prova di un’incredibile evoluzione artistica. Il ritratto di Scipione segnò, infatti, un cambiamento stilistico e formale nella produzione berniniana di busti, per la volumetria più essenziale, la resa psicologica più approfondita e la maggiore forza espressiva. Come Rubens e Van Dick nella ritrattistica pittorica del ’600, Bernini inventò il motivo del colloquio con l’osservatore, cosicché il cardinale, seppure rappresentato secondo i canoni dell’ufficialità, acquista nel ritratto una dimensione intima. Scipione è colto nella transitorietà di uno stato d’animo: Bernini era convinto, infatti, che la somiglianza non si ottenesse copiando minuziosamente i tratti di un volto in posa, ma piuttosto rendendone l’individualità, che poteva essere trasmessa solo raffigurando il soggetto in movimento; non a caso gli studiosi definiscono questo genere di opere “ritratti parlanti” (Brauer, Wittkower 1931, p. 29 ss.). Significativo in tal senso un confronto con lo studio preparatorio del ritratto, conservato alla Morgan Library di New York, l’unico rimasto dei numerosi che lo scultore doveva aver eseguito in funzione dell’opera. In esso l’artista colse con pochi tratti gli elementi caratterizzanti del volto del cardinale. Da una lettera del poeta Lelio Guidiccioni abbiamo una testimonianza sulla consuetudine del Bernini di lavorare il marmo mentre eseguiva il modello in creta e di disegnare direttamente sul blocco a carboncino, come parrebbe confermato dal rinvenimento di tracce scure negli occhi del cardinale (McPhee, in Bernini, 2017, p. 237).

Filippo Baldinucci (1682, pp. 18-20) racconta che solo a lavoro terminato, Bernini si accorse di un’imperfezione nel blocco di marmo, tale da provocare una crepa (detta anche pelo), tuttora visibile sulla fronte del cardinale. L’artista avrebbe quindi replicato il busto, realizzandone uno analogo nel tempo di quindici nottate – durata ridotta a tre soli giorni nel racconto del figlio Domenico (1713, p. 11). Tale aneddoto costituisce uno dei capisaldi su cui si basa la leggenda del virtuosismo berniniano.

A differenza degli artisti che lo avevano preceduto, il rapporto che Bernini aveva con la materia era disinvolto, sia per la decisione di non finire le zone non visibili delle sculture, sia nella scelta del blocco da scolpire, che non selezionava personalmente perché intendeva la scultura come manipolazione, abilità e ingegno. Grazie alla fluidità della lavorazione del marmo Bernini è riuscito qui a rendere la sensazione della pelle tesa e sudata nel volto e increspata nel collo, là dove poggia sul colletto, ma anche della superficie cangiante della seta della mozzetta, grazie alle diverse inclinazioni delle pieghe che, riflettendo variamente la luce, ne suggeriscono la marezzatura.

Il cardinale espose questa versione nella sala degli Imperatori tra i busti dei Cesari (Manilli 1650, p. 73), mentre la seconda nella galleria al primo piano nella pinacoteca, una collocazione che da sola dimostra la diversa stima che Scipione aveva delle due opere e come il difetto del marmo, pur ben visibile, non bastasse a rovinare l’immediatezza e la forza espressiva del ritratto.

Nell’inventario del 1762 il busto risulta esposto nella sala del Moro, attuale sala VII (Faldi 1953, p. 146, doc. I), mentre nel corso dell’Ottocento è nella sala IX, la cosiddetta “camera dei ritrattiacquistato insieme alla seconda versione dallo Stato italiano nel 1892, in occasione della prima vendita delle opere Borghese escluse dal fedecommesso 1892 (Giacomini & Capobianchi, Roma, 28 marzo-9 aprile 1892, n. 341), è stato conservato nelle Gallerie dell’Accademia di Venezia fino al 1908, per poi essere riportato nella Villa Pinciana.

 

 

 

Sonja Felici

 

close
Provenienza
Open Chiudi

Cardinale Scipione Borghese, 1632; cquisto dello Stato, 1892

close
Mostre
Open Chiudi

1930 Roma

1935  Roma

1998 Roma

1999 Roma

2008 Los Angeles

2017-2018 Roma

close
Restauri
Open Chiudi

1911 Eugenio M.

1997 C.B.C. Coop. a.r.l.

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

F. Testi, Lettere [1609-1633], a cura di M. L. Doglio, Bari 1967, I, p. 463.

I. Manilli, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana, Roma 1650, p. 73

F. Baldinucci, Vita Del Cavaliere Gio. Lorenzo Bernino Scultore, Architetto, e Pittore, Firenze 1682, pp. 18-20.

D. Montelatici, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana con l’ornamenti che si osservano nel di lei Palazzo, Roma 1700, pp. 232, 302.

D. Bernini, Vita del Cavalier Gio. Lorenzo Bernino, Roma 1713, p. 11.

Die Zeichnungen des Gianlorenzo Bernini, a cura di H. Brauer, R. Wittkower, I, 1931, p. 29 ss.

S. Fraschetti, Il Bernini: la sua vita, la sua opera, il suo tempo, Milano 1900, pp. 106-110.

I. Faldi, Note sulle sculture borghesiane del Bernini, in “Bollettino d’Arte”, 1953, II, p. 140 ss.

I. Faldi, Galleria Borghese. Le sculture dal sec. XVI al XIX, Roma 1954, pp. 37-39, n. 36.

R. Wittkower, Gian Lorenzo Bernini: the sculptor of the Roman baroque, London 1955,

  1. 15, cat. n. 31.

H. Hibbard, Un nuovo documento sul busto del cardinale Scipione Borghese del Bernini, in “Bollettino d’Arte”, XLIII, 1961, pp. 101­105.

H. Hibbard, Bernini, Harmondsworth 1965, pp. 89-96.

R. Wittkower, Gian Lorenzo Bernini: The Sculptor of the Roman Baroque, London 1966, pp. 13, 199-200, n. 31.

C. D’Onofrio, Roma vista da Roma, Roma 1967, p. 382-386.

Bernini. Una introduzione al gran teatro del barocco, a cura di M. Fagiolo dell’Arco, M. Fagiolo, Roma 1967, p. 149 ss., n. 69.

V. Castronovo, Borghese Caffarelli, Scipione, in Dizionario Biografico degli Italiani, 12, Roma 1971, pp. 620-624.

V. Mariani, Gian Lorenzo Bernini, Napoli 1974, pp. 22-28.

F. Haskell, Patrons and painters: a study in the relations between Italian art and society in the age of baroque, New Haven 1980, pp. 27-28.

T. Magnuson, Rome in the Age of Bernini. I. From the Election of Sixtus V to the Death of Urban VIII, Stockholm 1982, pp. 103-107.

R. Wittkower, Gian Lorenzo Bernini: The Sculptor of the Roman Baroque, 2a ed. riveduta e ampliata, London 1966, trad. it. Milano 1990, p. 88, cat. 31.

C. Scribner, Gian Lorenzo Bernini, New York 1991, p. 80.

A. Sutherland Harris, Vouet, le Bernin et la “ressemblance parlante”, in S. Vouet, a cura di S. Loire, Paris 1992, pp. 193-205.

M. Calvesi, in Galleria Borghese, a cura di A. Coliva, Roma 1994, p. 297.

La scultura del Seicento a Roma, a cura di A. Bacchi, Milano 1996, p. 780, figg. 145-146.

C. Avery, Bernini: genius of the Baroque, London 1997, pp. 86-88.

A. Coliva, in Bernini scultore. La nascita del Barocco in casa Borghese, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese 1998), a cura di A. Coliva, S. Schütze, Roma 1998, pp. 276-289, n. 29.

M. Minozzi, Appendice documentaria: le opere di Bernini nella collezione di Scipione Borghese, in Bernini scultore. La nascita del Barocco in casa Borghese, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese 1998), a cura di A. Coliva, S. Schütze, Roma 1998, p. 440.

A. Coliva, in Gian Lorenzo Bernini regista del Barocco, catalogo della mostra (Roma, Palazzo Venezia, 1999), a cura di M. G. Bernardini, M. Fagiolo Dell’Arco, Milano 1999, pp. 326-327, n. 42.

O. Ferrari, S. Papaldo, Le sculture del Seicento a Roma, Roma 1999, p. 465.

P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 304.

T. L. Ehrlich, Landscape and identity in early modern Rome: villa culture at Frascati in the Borghese era, Cambridge 2002, pp. 29-33.

M. Ulivi, M. A. Sorrentino, M. G. Chilosi, P. Rockwell, in Bernini scultore: la tecnica esecutiva, a cura di A. Coliva, Roma 2002, pp. 216-233.

P. Zitzlsperger, Gianlorenzo Bernini: die Papst und Herrscherporträts; zum Verhältnis von Bildnis und Macht, München 2002, pp. 61-65.

S. Pierguidi, in Bernini e gli allievi. G. Finelli, A. Bolgi, F. Mochi, F. Duquesnoy, E. Ferrata, A. Raggi, G. Mazzuoli a cura di A. Bacchi, S. Pierguidi, Firenze 2008, pp. 182-184, cat. 12.

C. Hess, in Bernini and the Birth of Baroque Portrait Sculpture, catalogo della mostra (Los Angeles, J. Paul Getty Museum, 2008 – Ottawa, National Gallery of Canada, 2008-2009), a cura di A. Bacchi, C. Hess, J. Montagu, Los Angeles 2008, pp. 186-189, cat. 4.1.

C. Hess, “Speaking likeness”, in I marmi vivi: Bernini e la nascita del ritratto barocco, catalogo della mostra (Firenze, Museo Nazionale del Bargello, 2009), a cura di A. Bacchi, T. Montanari, B. Paolozzi Strozzi, D. Zikos, Firenze 2009, pp. 165-167.

T. Montanari, in I marmi vivi: Bernini e la nascita del ritratto barocco, catalogo della mostra (Firenze, Museo Nazionale del Bargello, 2009), a cura di A. Bacchi, T. Montanari, B. Paolozzi Strozzi, D. Zikos, Firenze 2009, pp. 308-311, cat. 25.

S. McPhee, Bernini’s beloved: a portrait of Costanza Piccolomini, New Haven 2012, pp. 8, 40-43.

S. McPhee, Il ritratto “parlante”, in Bernini, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2017-2018), a cura di A. Bacchi, A. Coliva, Milano 2017, pp. 235-239.

S. McPhee, in Bernini, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2017-2018), a cura di A. Bacchi, A. Coliva, Milano 2017, pp. 240-245, cat. VII.1-2.

D. Dombrowski, Natura svelata: la “svolta comunicativa” nei ritratti a busto di Giovanni Lorenzo Bernini e la rivoluzione scientifica del Seicento, in Arte dal naturale, a cura di S. Ebert-Schifferer, A. Lemoine, M. Théron, M. Szanto, Roma 2018, pp. 245-270.

Scheda di catalogo 12/01008681, Russo L. 1981; agg. Felici S. 2020

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa