Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Cantore

ambito veneto


La tela è tradizionalmente considerata pendant del Cantore con flauto (inv.130); entrambi i dipinti sono citati dal Manilli nel 1650 come opera di Giorgione. L’attribuzione è stata a lungo dibattuta dalla critica. La tecnica pittorica sembra discostarsi dalla pennellata giorgionesca, inducendo a ipotizzare un’esecuzione improntata allo stile del maestro, secondo un gusto caratteristico dei primi anni del Seicento. Fra i due concertisti vi sono diversità: se il primo è quasi girato e con un ghigno sprezzante sul viso, questo si mostra più compito. Le due figure si mostrano speculari, lo scomposto pifferaio opposto all’elegante armonico cantore.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 104 x 77


Inventario | 132

Posizione | Sala 20 – Sala ​di Psiche


Periodo | '500


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa