Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Cristo nel sepolcro

ambito romano


Il dipinto, segnalato in Collezione a partire dal 1693, è riferito inizialmente a Raffaello e poi alla scuola dei Carracci (1833). Il riferimento all’area bolognese va respinto in favore di quella romana, nell’ambito della quale è stato recentemente proposto il nome di Giulio Romano (Roma 1499- Mantova 1546). Nella tavola sono raffigurati, nell’oscurità della sera, Giovanni Evangelista, Nicodemo e Giuseppe d’Arimatea nell’atto di deporre il corpo di Cristo nel sepolcro; accanto, la Maddalena e Maria sorretta dalle pie donne.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tavola, cm 84 x 71


Inventario | 302

Posizione | I depositi


Periodo | '500


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa