Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Figura maschile seduta con figlia

seconda metà II sec. d.C. (gruppo); 150 d.C. (testa Dioniso); 40-50 d.C. (ritratto)

Arte romana


Il gruppo scultoreo, probabilmente di carattere funerario, raffigura un padre e la sua figlioletta. L’uomo, seduto, indossa un mantello avvolto alle gambe e sulle spalle, mentre la bambina, in piedi vicino a lui, un chitone altocinto. Il trattamento del panneggio dell’uomo e la veste della fanciulla rimandano all’età antoniniana, invece il ritratto infantile, con pettinatura a lunghe ciocche ondulate e delicati lineamenti minuti, si può far risalire prima metà imperiale.

Originariamente posta presso iI II Recinto della Villa, lungo il viale dei cipressi, vicino alla zona del Teatro, dove la ricordano Iacomo Manilli nel 1650 e Domenico Montelatici nel 1700, fu spostata alla fine del Settecento per ornare il nuovo Giardino del Lago. All’epoca della ricostituzione della raccolta nella palazzina tra il 1819 e il 1832, dopo la massiccia vendita delle opere di arte antica a Napoleone da parte di Camillo Borghese, fu tra le sculture prese dal parco e ricollocate nelle sale interne. In tale occasione fu restaurata, nel 1828, da Antonio D’Este: nell’intervento l’originaria testa maschile fu sostituita con una antica raffigurante Dioniso, del tipo Madrid-Richelieu attribuito a Prassitele.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | marmo di Luni


Misure | Gruppo: altezza con plinto antico cm 157; larghezza cm 87.Testa di Dioniso: altezza cm 28. Figura femminile: altezza cm 90; testa: altezza cm 17; basetta: altezza cm 145


Inventario | CCXXXXI

Posizione | Portico


Periodo | Arte Antica


Tipologia | scultura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

Il gruppo scultoreo viene ricordato dal Iacomo Manilli nel 1650 e da Domenico Montelatici nel 1700, presso iI II Recinto della Villa, lungo il viale dei cipressi, vicino alla zona del Teatro. Il primo lo definisce come “Antonino Pio con una figliuolina”, il secondo “Antonino Pio con una figliuolina accanto, forse Lucilla, coronata da Imperatrice, in atto d’accarezzarla”. Nelle guide del 1832 e del 1838 di Antonio Nibby il gruppo era erroneamente denominato “Libero e Libera”, divinità italiche da identificarsi con Dioniso e la sua paredra, di cui l’autore fornisce una lunga analisi documentaria. Il riconoscimento di un gruppo funerario raffigurante un padre e una figlia è da attribuire nel 1925 a Walter Amelung (Amelung-Arndt-Lippold 1925, p.18, n.2771), il quale propone un confronto con il gruppo a tutto tondo da Atp in Provenza a Chatsworth House, databile all’età flavia o al più tardi all’epoca traianea (Furtwängler 1901, Vol. 21, pp. 221-224, n.9, tav XV). Questo rappresenta una donna seduta accanto a una bambina la quale pone affettuosamente la mano sinistra su quella della madre.

Un disegno di fine Settecento testimonia che fu tra le opere utilizzate per ornare il nuovo Giardino del Lago (B.I.A.S.A., ROMA XI, 48.42). All’epoca della ricostituzione della raccolta nella palazzina, tra il 1819 e il 1832, dopo la massiccia vendita delle opere della collezione antica da parte di Camillo Borghese al cognato Napoleone Bonaparte, fu affidato ad Antonio D’Este il restauro della scultura (Sforzini, 2011, pp. 68-69, fig. 3). Nell’intervento, avvenuto nel 1828, l’originaria testa maschile fu sostituita con una antica raffigurante Dioniso, del tipo Madrid-Richelieu attribuito a Prassitele, caratterizzato da un volto di età giovanile, senza barba, decorato da benda e corona d’edera (Il tipo risulta strettamente imparentato con quello Woburn Abbey, n.120, dal quale si distingue solo per la posizione del capo e la diversa concezione del viso e della capigliatura: Gasparri 1986, pp. 435-436, tav. 306, n.122a). La scelta di una testa raffigurante il dio del vino bene si armonizzava con le tematiche degli affreschi che decorano la sala VIII della Villa, alla quale il gruppo fu destinato. Ricordata ancora nella sala VIII nella Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese del 1840 e del 1873, successivamente da Adolfo Venturi nel 1893 ed infine da Vittorio Emanuele Bianchi nel 1910, fu posta nel portico probabilmente a metà del XX secolo.

L’uomo, seduto con il piede destro avanzato e il sinistro flesso, indossa un mantello avvolto alle gambe e sulle spalle, con caduta sul braccio sinistro che lascia scoperto il busto e i piedi. La figura, dalle forme asciutte e ben modellate, mostra una posizione rilassata e familiare con il braccio destro abbandonato sulla gamba e il sinistro a cingere le spalle della bambina posta accanto a lui. La fanciulla, affettuosamente rivolta verso l’uomo, è in piedi, su un dado ornato. Veste un chitone manicato e peplo fermato sulle spalle con lungo apoptygma stretto sotto il seno da una sottile cintura. Nella mano sinistra sorregge delicatamente una colomba.

Il volto maschile, dall’ovale allungato e la fronte bassa, è ripreso frontalmente. Le guance sono lisce e morbide, mentre il mento è breve e arrotondato. La bocca, piccola dalle labbra piene, termina ai due lati con delle fossette. Il naso è dritto e ben marcato, con occhi a mandorla e dal globo liscio posti simmetricamente ai lati, sotto ad arcate sopraccigliari lineari che arrivano quasi fin su le tempie. La fronte è parzialmente coperta da una benda che poggia sui folti capelli all’altezza delle tempie, mentre la sommità del capo è sormontata da una corona di edera. La voluminosa capigliatura ha una lieve scriminatura centrale che suddivide le ciocche, rivolte verso il basso con lunghi riccioli spiraliformi ricadenti sulle spalle da una crocchia sulla nuca.

La bambina ha un’espressione serena sul volto, con tratti delicati, naso minuto e guance paffute. Le labbra piccole e carnose sono dischiuse, con un atteggiamento della bocca quasi sorridente. I capelli sono tenuti da una pettinatura a doppia treccia avvolta a corona che attraversa l’intera sommità del capo, mentre il viso è incorniciato da una lunga frangia liscia che congiunge, lasciandole scoperte, le due orecchie.

Riguardo alla posizione della figura maschile seduta, Walter Amelung individua nella statua di Zeus conservata al Museo Nazionale di Napoli una precisa somiglianza per la caduta del lembo centrale del mantello e per la posizione delle gambe (Amelung, 1908, p. 120, fig. 19). Mentre l’iconografia della fanciulla con colombe si ritrova già nel IV secolo a.C., come testimonia la scultura conservata alla Gliptoteca di Monaco di Baviera proveniente dal Santuario di Artemide Brauronia di Atene (Ohly, 1972, p.10, n. 55), che presenta forti somiglianze con la statua Borghese.

La composizione, di evidente destinazione funeraria privata, trova un confronto pertinente con il gruppo scultoreo di donna con figlioletto, vestito di toga e bulla, conservato ai Musei Capitolini e databile prima età imperiale (Palazzo Nuovo, Galleria, Inv. Scu 243).

La ricchezza del panneggio dell’uomo e il chitone altocinto della fanciulla rimandano all’età antoniniana, mentre il ritratto infantile, con una pettinatura a lunghe ciocche ondulate e lineamenti minuti, si può far risalire prima metà imperiale.

Nell’insieme il gruppo funerario di defunto seduto e infante proviene dall’iconografia delle stele attiche nelle quali sono rappresentate scene espressive d’intimità familiare e ricche di sentimento secondo schemi iconografici ben precisi e riconoscibili. Sono celebrati i legami affettivi come si ritrova nella stele funeraria di una donna di nome Ampharete, che tiene in grembo il nipote. L’epigrafe dichiara: «Ho caro questo figlio della mia figlia, che quando / vedevamo, in vita, i raggi del sole, / tenevo sulle mie ginocchia, come ora, defunto, lo tengo, defunta» (Catoni, 2005, Fasc. 1, p.34).

 

 

 

Giulia Ciccarello

close
Provenienza
Open Chiudi

Collezione Borghese, citato per la prima volta da Manilli, 1650. Inventario fidecommissario Borghese, 1833, C, p. 53, n.174. Acquisto dello Stato, 1902.

close
Restauri
Open Chiudi

1828, Antonio D’Este

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

Iacomo Manilli, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana, Roma 1650, p.125

Domenico Montelatici, Villa Borghese, Roma 1700, p.79

Antonio Nibby, Monumenti scelti della Villa Borghese, Roma 1832, pp.136-140, n.10

Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese, Roma 1840, p.25, n.20

Antonio Nibby, Roma nell’anno 1838, Roma 1841, p. 925, n. 20

Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese,

Roma 1854 (1873), p.29, n.19

Adolfo Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p.48

Adolf Furtwängler, Ancient Sculptures at Chatsworth House, in “The Journal of Hellenic

Studies”, 21, 1901, pp. 209-228

Giovanni Giusti, La Galerie Borghèse et la Ville Humbert Premier à Rome, Roma 1904,

p.33

Walther Amelung, Saggio sull’arte del IV secolo a.C., in “Ausonia”, 3, 1908, pp. 91-135

Vittorio Emanuele Bianchi, Guida per le Gallerie e i musei di Roma, Torino-Roma-

Milano-Firenze-Napoli 1910, p. 58

Wolfgang Helbig, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer Altertümerin

Rom (3° Edizione), a cura di Walther Amelung, II, Leipzig 1913, p.250, n.1561

Walther Amelung, Paul Arndt, Georg Lippold, Photographische Einzel aufnahmen antiker

Skulpturen, X, 1, München 1925, p.18, n.2771

Aldo De Rinaldis, La R. Galleria Borghese in Roma, 1935, p.18

Paola Della Pergola, La Galleria Borghese in Roma, (3° Edizione) Roma 1954, p.5

Raissa Calza, Catalogo del Gabinetto fotografico Nazionale, Galleria Borghese, Collezione

degli oggetti antichi, Roma 1957, p.12, n.98

Wolfgang Helbig, HermineSpeier, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer

Altertümer in Rom, (4°Edizione), a cura di Hermine Speier, II, Tübingen 1966, p.700, n.1939

Dieter Ohly, Glyptothek München. Griechische und römische Skulpturen. Einkurzer Führer,

1972, p.10, n. 55

Paolo Moreno, Museo e Galleria Borghese, La collezione archeologica, Roma 1980, p.7

Paolo Moreno, Sara Staccioli, Le collezioni della Galleria Borghese, Milano 1981, p.101,

fig.89

Carlo Gasparri, s.v. Dionysos, in “Lexicon iconographicum Mythologiae Classicae”, III,

1986, pp. 414-566

Paolo Moreno, Clementina Sforzini, I ministri del principe Camillo: cronaca della

collezione Borghese di antichità dal 1807 al 1832, in “Scienze dell’Antichità”, 1, 1987, pp.

339-371, in part.p.354

Katrin Kalveram, Die Antikensammlung des Kardinals Scipione Borghese, Worms am

Rhein 1995, p. 263, n.232

Paolo Moreno, Chiara Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, in part.p.36, n.4, a-c

Paolo Moreno, Antonietta Viacava, I marmi antichi della Galleria Borghese. La

collezione archeologica di Camillo e Francesco Borghese, Roma 2003, pp.71-73, n.

16

Clementina Sforzini, La rinascita del museo, in I Borghese e l’antico, catalogo della mostra,

(Roma, Galleria Borghese, 2011-2012), a cura di Anna Coliva, Milano, 2011, pp.63-74

Maria Luisa Cantoni, Le regole del vivere, le regole del morire: Su alcune stele attiche per

Donne morte di parto, in “Revue Archéologique”, 2005, Nouvelle Série, Fasc. 1, pp. 27-53

Scheda di catalogo 12/00147881-12/00147882, P. Moreno 1975; aggiornamento

Ciccarello 2020

 

 

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa