Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Gesù e la famiglia degli Zebedei

Pitati Bonifacio de’ detto Bonifacio Veronese, seguace
Verona 1487 - Venezia 1553)


La tela, attribuita a Tiziano dall’inventario del 1693 e poi riferita a Bonifacio de’ Pitati dal fidecommisso (1833), appare in realtà più verosimilmente assegnabile alla produzione della sua fiorente bottega veneziana. La scena, ripresa dal Vangelo di Matteo (20, 20-28), raffigura la richiesta che Salome, madre di Giacomo e Giovanni , figli di Zebedeo, inoltra a Gesù. Ella, prostrata secondo il racconto, chiede a Gesù di far sedere i suoi figli accanto a Lui in Cielo, uno a destra, l’altro a sinistra.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 138 x 205


Inventario | 156

Posizione | I depositi


Periodo | '500


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa