il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito

Gesù e la famiglia degli Zebedei

Pitati Bonifacio de’ detto Bonifacio Veronese, seguace
Verona 1487 - Venezia 1553)


La tela, attribuita a Tiziano dall’inventario del 1693 e poi riferita a Bonifacio de’ Pitati dal fidecommisso (1833), appare in realtà più verosimilmente assegnabile alla produzione della sua fiorente bottega veneziana. La scena, ripresa dal Vangelo di Matteo (20, 20-28), raffigura la richiesta che Salome, madre di Giacomo e Giovanni , figli di Zebedeo, inoltra a Gesù. Ella, prostrata secondo il racconto, chiede a Gesù di far sedere i suoi figli accanto a Lui in Cielo, uno a destra, l’altro a sinistra.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 138 x 205


Inventario | 156

Posizione | I depositi


Periodo | '500


Tipologia | pittura