il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito

Giove e Giunone


Autore

Carracci Antonio
(Venezia 1589 - Roma 1618)

Tipologia

pittura

Periodo

'600

Inventario

515

Tecnica

olio su tavola, cm 34 x 38

La tavola, il cui soggetto va rintracciato nelle Metamorfosi di Ovidio, è ricordata per la prima volta in un inventario del 1762, dove senza attribuzione viene ampiamente descritto. Giunone sposa di Giove, è il motivo iconografico per eccellenza utilizzato per esaltare il rigoglio e l’imponenza delle grazie femminili. Il dipinto, proprio per gli evidenti riferimenti alla cultura mitologica di Annibale Carracci (Bologna 1560 – Roma 1609), può essere ricondotto nell’ambito della pittura mitologica e profana che si sviluppa a Roma dopo la decorazione della Galleria Farnese. Gli ultimi studi riferiscono la piccola tavola ad Antonio Carracci, nipote di Annibale e figlio illegittimo di Agostino.