Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Giuditta con la testa di Oloferne

Galizia Fede
(Milano 1578 ca. - 1630 ca.)


L’opera firmata e datata nel bordo del catino, proviene dall’eredità del cardinale Salviati. Il soggetto è raccontato nel Vecchio Testamento: l’ebrea Giuditta, che salvò la patria dall’invasione assira, è simbolo della Fortezza e come salvatrice del suo popolo prefigura la Madonna ed è invocata nel giorno dell’Immacolata Concezione. L’episodio è presentato dalla pittrice, particolarmente abile nella resa delle stoffe e gli ornamenti, accentuandone il significato vittorioso nella bellezza della donna, elegantemente vestita, ed escludendo dalla rappresentazione il momento drammatico e violento della decapitazione.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 141 x 108


Inventario | 165

Posizione | Sala 19 – Sala di Elena e Paride


Periodo | '600


Tipologia | pittura


Opera attualmente non esposta
Opera in prestito alla mostra Le Signore dell'Arte (Milano - Palazzo Reale, 20/02/2021 - 06/06/2021). Sostituita da stato sostituito da Giovanni Lanfranco, "Giuseppe e la moglie di Putifarre ".




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa