Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Il Salvatore

Carracci Annibale, seguace
(Bologna 1560 - Roma 1609)


Il dipinto è ricordato per la prima volta nell’inventario del 1790. La testa del Salvatore può essere avvicinata, per la sua impostazione iconografic,alla scuola dei Carracci, da cui proviene questo particolare prototipo iconografico. Il dipinto, destinato alla devozione privata, concretizza quell’idea di redenzione e salvazione analogo a quella realizzata dalle icone orientali.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 55,5 x 44


Inventario | 196

Posizione | I depositi


Periodo | '600


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa