il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito

Il Salvatore


Autore

Venusti Marcello, attribuito
(Como 1515 ca. - Roma 1579)

Tipologia

pittura

Periodo

'500

Inventario

379

Tecnica

olio su tavola, cm 42,5 x 34,5

Posizione

I depositi

La tavola proviene forse dall’eredità del cardinal Salviati del 1612, cui apparteneva anche un’effigie della Vergine assegnata a Venusti. Nello stesso anno sono documentati pagamenti per alcuni restauri di “due teste d’un Salvatore e di una Madonna”, riferimento che potrebbe suggerire la presenza del Salvatore in Collezione già a quella data. I diversi inventari forniscono nel tempo attribuzioni variabili dei due dipinti, riferiti anche a Raffaello, Federico Zuccari, Paris Bordon. L’attribuzione al Venusti, vicino a Michelangelo e Sebastiano del Piombo, è data dalla ricorrente associazione del dipinto con Il Salvatore a quello perduto della Vergine.