Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Il Salvatore

Carracci Agostino, seguace
Bologna 1557 - Parma 1602)


Nel dipinto è raffigurato uno dei temi più congeniali alla sensibilità della pittura bolognese dei primi decenni del secolo XVII e uno dei più amati dal clima devozionale del tempo. L’enorme fortuna di questo soggetto, ricavata dallo studio della statuaria classica, è documentata dal numero incalcolabile di copie e derivazioni. Cristo, sul cui viso scorrono lacrime, ha sul capo la corona di spine; il suo sguardo triste e le labbra serrate, si mostravano strumenti utili al sentimento di pietà che si intendeva suscitare nei fedeli.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 51 x 48


Inventario | 39

Posizione | I depositi


Periodo | '600


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa