Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

La deposizione di Cristo nel sepolcro

Cresti Domenico detto Passignano
(Passignano 1559 - Firenze 1638)


Scipione Borghese acquista l’opera direttamente dal Passignano verso il 1612, anno in cui l’artista è al lavoro per l’influente cardinale. Presenta il tema sacro in maniera chiara e incisiva, in linea con i dettami della cultura controriformata; mostra riferimenti alla Pietà di Michelangelo nel Duomo fiorentino e alle incisioni della Grande Passione di Albrecht Dürer.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 160 x 138


Inventario | 349

Posizione | I depositi


Periodo | '600


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa