Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Berenice

Cantofoli Ginevra
(Bologna 1618-1672)


Il soggetto del dipinto è stato un tempo identificato con una sarta per la presenza delle forbici, e in seguito con Atropo, una delle tre Parche, nota per recidere la vita e dunque decretare la morte di ogni uomo. Successivamente, dopo il restauro, la figura è stata correttamente identificata con Berenice, la regina cirenaica che offrì in voto ad Afrodite la sua chioma per ottenere il ritorno nel marito Tolomeo incolume da una campagna militare: il dono fu gradito agli dei, che fissarono in cielo la chioma facendone una costellazione. La tela è stata inizialmente riferita a un ignoto artista, vicino all’arte di Guido Reni e allo stesso tempo non ignaro delle novità del Caravaggio; successivamente è stata riconosciuta come opera della pittrice bolognese Ginevra Cantofoli. Il dipinto entrò probabilmente a far parte della collezione Borghese agli inizi del secolo XIX.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, 76 x 59


Inventario | 99

Posizione | I depositi


Periodo | '600


Tipologia | pittura


Opera attualmente non esposta
Opera in prestito alla mostra Le Signore dell'Arte (Milano - Palazzo Reale, 20/02/2021 - 06/06/2021)




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa