il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito

Berenice

Cantofoli Ginevra
(Bologna 1618-1672)


Il soggetto del dipinto è stato un tempo identificato con una sarta per la presenza delle forbici, e in seguito con Atropo, una delle tre Parche, nota per recidere la vita e dunque decretare la morte di ogni uomo. Successivamente, dopo il restauro, la figura è stata correttamente identificata con Berenice, la regina cirenaica che offrì in voto ad Afrodite la sua chioma per ottenere il ritorno nel marito Tolomeo incolume da una campagna militare: il dono fu gradito agli dei, che fissarono in cielo la chioma facendone una costellazione. La tela è stata inizialmente riferita a un ignoto artista, vicino all’arte di Guido Reni e allo stesso tempo non ignaro delle novità del Caravaggio; successivamente è stata riconosciuta come opera della pittrice bolognese Ginevra Cantofoli. Il dipinto entrò probabilmente a far parte della collezione Borghese agli inizi del secolo XIX.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, 76 x 59


Inventario | 99

Posizione | I depositi


Periodo | '600


Tipologia | pittura


opera attualmente non esposta
Opera in prestito alla mostra Le Signore dell'Arte (Milano - Palazzo Reale, 20/02/2021 - 06/06/2021)