Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

La Verità

1646-1652

Bernini Gian Lorenzo
(Napoli 1598 - Roma 1680)


La Verità fu realizzata da Gian Lorenzo Bernini per sé stesso in un periodo difficile della sua carriera, culminato con l’abbattimento di uno dei campanili da lui progettati per la Basilica di S. Pietro e con l’elezione al soglio pontificio nel 1644 di Innocenzo X Pamphilj, che gli preferì come architetto Francesco Borromini. Raffigurata come una fanciulla sorridente e nuda, la Verità è seduta su un masso roccioso, tiene nella mano destra il sole e poggia la gamba sinistra sul globo terrestre, secondo un’iconografia già canonizzata nella celebre Iconologia di Cesare Ripa (1600).

L’opera doveva far parte di un gruppo scultoreo rappresentante l’allegoria della Verità svelata dal Tempo, mai portato a termine. Alla morte dell’artista il grande blocco di marmo destinato alla realizzazione del Tempo in volo, rivelatore della Verità, fu venduto dagli eredi.

Del gruppo scultoreo sono noti numerosi disegni autografi; nella figura della Verità si possono riconoscere dei legami con l’incompiuta Allegoria della Virtù di Correggio (Antonio Allegri), conservata presso la Galleria Doria Pamphilj di Roma.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | marmo di Carrara


Misure | altezza cm 280


Inventario | CCLXXVIII

Posizione | Sala 6 – Sala ​di Enea e Anchise


Periodo | '600


Tipologia | scultura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Mostre
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

Quando scolpì la Verità, tra il 1646 e il 1652, Gian Lorenzo Bernini stava attraversando un periodo difficile della sua carriera. Lo scultore era stato incaricato da Urbano VIII Barberini di affrontare un difficile problema tecnico e strutturale, portando a compimento le due torri campanarie ai lati della basilica di S. Pietro iniziate da Carlo Maderno. Il progetto di Bernini non andò a buon fine, tanto che il pontefice ordinò lo smantellamento del primo dei due campanili. In seguito, Innocenzo X Pamphilj, eletto al soglio pontificio nel 1644, non solo aveva definitivamente accantonato il progetto, ma gli aveva anche preferito come architetto Francesco Borromini.

Il gruppo scultoreo della Verità svelata dal Tempo doveva quindi significare il riscatto di Bernini di fronte all’ingiustizia subita e al crollo della sua reputazione. La seconda figura con cui l’artista intendeva completare il gruppo non venne mai scolpita. Dopo soli due anni, infatti, Bernini tornò nei favori della corte pontificia e, oberato dagli incarichi, non riuscì a completare l’opera. Alla sua morte, il grande blocco di marmo destinato alla realizzazione del Tempo fu venduto dagli eredi. La statua, invece, fu vincolata da Bernini con un fidecommesso che l’avrebbe tramandata agli eredi primogeniti maschi, con divieto di alienarla. L’opera, nata come privato riscatto e auspicio di futura riabilitazione della memoria del suo operato, fu incaricata dal Bernini di tramandare un ammaestramento morale ai suoi discendenti: il tempo rende giustizia dei torti subiti. Conservata nella residenza di famiglia in via della Mercede fino al 1858, passò poi in quella di via del Corso dove rimase fino al 1924. In quell’anno fu posta in deposito dagli eredi nella Galleria Borghese, da cui fu acquistata nel 1957 (Bernardini 2015, pp. 35-36).

La fanciulla, nuda e con un’espressione sorridente, è seduta su un masso roccioso a ridosso di un panneggio che oltre a coprirne il pube protegge il suo corpo dal contatto con la roccia. La figura è atteggiata in un aggraziato dinamismo; con lo sguardo aperto rivolto verso l’alto, tiene nella mano destra un disco solare con volto umano, simbolo del potere della verità di far luce sulle cose, e poggia la gamba sinistra sul globo terrestre, secondo un’iconografia canonizzata nella celebre Iconologia di Cesare Ripa (1603) e ampiamente nota. La personificazione del Tempo sarebbe stata sostenuta in aria puntellata da colonne, obelischi e mausolei in rovina, ad aggiungere un’allusione alla caducità delle cose terrene alla definizione del suo ruolo di scopritore della verità.

L’incarnato della Verità è stato levigato e lucidato con materiali abrasivi su quasi tutta la superficie al punto da far sembrare che la figura stessa emani luce. In occasione del restauro del 1997 sono stati rinvenuti consistenti tratti a carboncino relativi ai percorsi da seguire con lo scalpello, disegnati da Bernini direttamente sulla pietra (Herrmann Fiore, in Gian Lorenzo Bernini, 1999, p. 30). Sulle parti della scultura portate a un diverso grado di compimento, quali il drappo, il masso, il globo, rimane traccia degli strumenti di lavorazione usati dall’artista.

Del gruppo scultoreo sono noti numerosi disegni autografi (Lipsia, Museum der Bildende Künste; Parigi, Musée du Louvre), che testimoniano diverse fasi progettuali: in essi si può vedere come siano cambiate sia l’inclinazione della figura della Verità sia la superficie su cui è seduta (Bernini aveva pensato anche ad un grosso globo) e si può intravedere la sagoma del Tempo, barbuto e con la falce in mano. Sono conservati anche alcuni bozzetti in terracotta variamente attribuiti a Bernini (Russo, in Bernini in Vaticano, 1981, pp. 121-122).

Nella figura della Verità sono stati individuati legami con l’incompiuta Allegoria della Virtù di Correggio (Antonio Allegri), conservata oggi alla Galleria Doria Pamphilj di Roma (De Marchi, in Correggio e l’antico, 2008, pp. 126-129).

 

 

 

Sonja Felici

close
Provenienza
Open Chiudi

Casa Bernini in Via della Mercede (fino al 1852), in seguito nel Palazzo Bernini di Via del Corso (fino al 1924), poi in deposito presso la Galleria Borghese; nel 1958 acquistata dallo Stato Italiano.

close
Mostre
Open Chiudi

1998 Roma

2017-2018 Roma

close
Restauri
Open Chiudi

1997 ABACUS s.n.c. di Naldoni N. e Tautschnig G. (restauro completo (accurata pulitura per non intaccare patina originale della superficie marmorea)

1997  “Il Cenacolo” s.r.l. (indagini diagnostiche: riprese foto macro e micro, riprese luce UV, XRD, analisi in spettroscopia FT – IR, stratigrafie del deposito superficiale, microrugosità, colorimetria)

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

P. Fréart de Chantelou, Diary of the Cavaliere Bernini’s Visit to France, a cura di Blunt A., Bauer G.C., Princeton 1985, p. 116.

F. Baldinucci, Vita Del Cavaliere Gio. Lorenzo Bernino Scultore, Architetto, e Pittore, Firenze 1682, pp. 106-107.

P. A. Maffei, Raccolta di statue antiche e moderne, Roma 1704, col. 132-133, tav. CXLII.

D. Bernini, Vita del Cavalier Gio. Lorenzo Bernino, Roma 1713, pp. 80-83.

S. Fraschetti, Il Bernini: la sua vita, la sua opera, il suo tempo, Milano 1900, pp. 171-176.

H. Brauer, Rudolf Wittkower, Die Zeichnungen des Gianlorenzo Bernini, Berlin 1931, I, pp. 45-46.

I. Faldi, Galleria Borghese. Le sculture dal sec. XVI al XIX, Roma 1954, pp. 39-41, n. 37.

I. Faldi, La scultura barocca in Italia, Milano 1958, pp. 35-37.

H. Hibbard, Bernini, Harmondsworth 1965, pp. 185, 191.

R. Wittkower, Gian Lorenzo Bernini: The Sculptor of the Roman Baroque, London 1966, pp. 33, 218-219, n. 49.

C. D’Onofrio, Roma vista da Roma, Roma 1967, p. 435.

M. Fagiolo, in Bernini. Una introduzione al gran teatro del barocco, a cura di M. Fagiolo dell’Arco, M. Fagiolo, Roma 1967, n. 129.

M. Winner, Berninis “Verità”: Bausteine zur Vorgeschichte einer “Invenzione”, in Munuscula Discipulorum. Kunsthistorische Studien Hans Kaufmann zum 70. Geburtstag, a cura di T. Buddensieg, M. Winner, Berlin 1968, pp. 393-413.

M. Laurain-Portemer, Mazarin et le Bernin: a propos du “Temps, qui découvre la vérité”, in “Gazette des beaux-arts”, 74, 1969, pp. 185-200.

H. Kauffmann, Giovanni Lorenzo Bernini. Die figürlichen Kompositionen, Berlin 1970, pp. 194-221.

R. Wittkower, Art and Architecture in Italy, 1600-1750, Harmondsworth 19733, p. 150.

Selected Drawings of Gian Lorenzo Bernini, a cura di A. Sutherland Harris, New York 1977, pp. XVIII, nn. 42, 43.

I. Lavin, Bernini and the Unity of the Visual Arts, New York 1980; trad. it. Roma 1980, pp. 75-79.

Gian Lorenzo Bernini: il testamento, la casa, la raccolta dei beni, a cura di F. Borsi, C. Acidini Luchinat, F. Quinterio, Firenze 1981.

V. Martinelli, in Bernini in Vaticano, a cura di A. Gramiccia, Roma 1981, pp. 15-36.

L. Russo, in Bernini in Vaticano, catalogo della mostra (Città del Vaticano, Braccio di Carlo Magno, 1981), a cura di A. Gramiccia, Roma 1981, pp. 121-122.

A. Nava Cellini, La scultura del Seicento, Torino 1982, p. 52.

E. B.Herrbach, Bernini’s Verita. Die schönste Tugend der Welt oder Versuch sich einer Berniniskulptur zu Nähern, Würzburg 1987.

M. Laurain-Portemer, Fortuna e sfortuna di Bernini nella Francia di Mazzarino, in Gian Lorenzo Bernini e le arti visive, a cura di M. Fagiolo, Roma 1987, pp. 124-131.

R. Wittkower, Gian Lorenzo Bernini: The Sculptor of the Roman Baroque, 2a ed. riveduta e ampliata, London 1966, trad. it. Milano 1990, pp. 193, 268, n. 49.

C. Scribner, Gian Lorenzo Bernini, New York 1991, pp. 26, 86-87.

R. Kuhn, Gianlorenzo Bernini. Gesammelte Beiträge zur Auslegung seiner Skulpturen, Frankfurt am Main 1993, pp. 81-82, 87, 90-91.

I. Lavin, Past-Present. Essays on Historicism in Art from Donatello to Picasso, Berkeley 1993, p. 141.

Galleria Borghese, a cura di A. Coliva, Roma 1994, p. 232.

La scultura del Seicento a Roma, a cura di A. Bacchi, Milano 1996, n. 160.

Bernini: genius of the Baroque, a cura di C. Avery, London 1997, pp. 92, 234-236, 266.

M. Winner, in Bernini scultore. La nascita del Barocco in casa Borghese, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 1998), a cura di A. Coliva, S. Schütze, Roma 1998, pp. 290-309, cat. 31.

K. Herrmann Fiore, in Gian Lorenzo Bernini regista del Barocco, catalogo della mostra (Roma, Palazzo Venezia, 1999), a cura di M. G. Bernardini, M. Fagiolo Dell’Arco, Milano 1999, pp. 30, 308-309, catt. 22-23.

P. Moreno, Chiara Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 56.

A. Coliva, I gruppi monumentali borghesiani, in Bernini scultore: la tecnica esecutiva, a cura di A. Coliva, Roma 2002, pp. 11-35.

M. Minozzi, M. A. Sorrentino, G. Tautshnig, in Bernini scultore: la tecnica esecutiva, a cura di A. Coliva, Roma 2002, pp. 235-245.

S. McPhee, Bernini and the bell towers: architecture and politics at the Vatican, New Haven 2002.

A. G. De Marchi, in Correggio e l’antico, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2008), a cura di A. Coliva, Milano 2008, pp. 126-129.

R. Carloni, Palazzo Bernini al Corso: dai Manfroni ai Bernini; storia del palazzo dal XVI al XX secolo e della raccolta di Gian Lorenzo Bernini, Roma 2013, p. 160, fig. 10.

M. G. Bernardini, Roma capitale d’Italia e dell’arte: esempi virtuosi di acquisizioni dello Stato, in Lo stato dell’arte, l’arte dello stato. Le acquisizioni del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Colmare le lacune – Ricucire la Storia, catalogo della mostra (Roma, Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, 2015), a cura di M. G. Bernardini, Roma 2015, pp. 31-38.

I disegni di Bernini e della sua scuola nella Biblioteca Apostolica Vaticana, a cura di M. Gobbi, B. Jatta, Città del Vaticano 2015, pp. 530-533.

T. Montanari, La libertà di Bernini: la sovranità dell’artista e le regole del potere, Torino 2016, pp. 119-127.

M. G. Barberini, in Bernini, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2017-2018), a cura di A. Bacchi, A. Coliva, Milano 2017, pp. 268-271, cat. VIII.3

M. Fagiolo, Wittkower, Bernini e il Gran Teatro del Barocco: il “progettar disegnando”, la Verità e l’esempio del Pantheon, in Bernini disegnatore: nuove prospettive di ricerca, a cura di S. Ebert-Schifferer, T. A. Marder, S. Schütze, Roma 2017, pp. 35-58.

Scheda di catalogo 12/01008635, Russo L., 1981; agg. Felici S., 2020.

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa