Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Mosaico pavimentale con gladiatori e cacciatori

III-IV secolo d.C.

Arte romana


Nel 1834, durante gli scavi effettuati per volere del principe Francesco Borghese Aldobrandini nella tenuta di famiglia presso Torrenova, lungo la via Casilina, vennero ritrovati sei frammenti musivi. I pannelli, quattro di notevoli dimensioni e due più piccoli, dovevano decorare anticamente il pavimento di un criptoportico di una villa suburbana con scene di caccia (venationes) e di combattimenti gladiatori (munera). 

Il riquadro musivo, a tessere policrome su fondo monocromo bianco, raffigura su due piani una scena di caccia alla pantera. Nella fascia superiore gli animali sono trafitti da lance e riversi a terra, in quella inferiore lottano contro i venatores. Sulla destra si nota un felino non coinvolto nella lotta, mentre sulla sinistra si conservano in maniera parziale le zampe di un altro animale. La raffigurazione di munera e venationes all’interno di ambienti privati apparteneva alla diffusa tradizione di esibire episodiche testimoniassero ed esaltassero le virtutes del padrone di casa.Gli studi collocano il mosaico tra il III e il IV secolo d.C.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | tessere in marmo


Misure | cm 5400 x 2246


Posizione | ingresso – Salone di Mariano Rossi


Periodo | Arte Antica


Tipologia | pittura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Mostre
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

Il pannello, posto dinnanzi alla porta di comunicazione tra il salone e la sala IV, mostra un combattimento tra due venatores e le pantere, detto bestiarius. Una descrizione di tale animale nonché della sua introduzione a Roma per i giochi del circo è data da Plinio il Vecchio (Naturalis Historia VIII, 62-65). Le scene sono articolate su due piani distinti: sul fondo quattro felini giacciono trafitti da lance, mentre nel piano inferiore due venatores feriscono con le lance due animali in posizione di attacco. Ai lati si vedono altre due pantere; di quella a sinistra si conservano solo parzialmente le zampe.

Strisce di colore marrone individuano il terreno dello scontro e le ombre sottolineano la profondità delle figure. I venatores, eseguiti con tessere policrome su un fondo monocromo bianco, indossano ricche vestidi colore bianco-grigio impreziosite da orbicula a disegni geometrici. Nella figura di sinistra, indicata con il nome Melitio, le decorazioni sono visibili lungo l’orlo inferiore della spalla; in quella di destra invece lungo l’orlo inferiore della veste di colore nero trapunto di bianco. Il manto degli animali è reso principalmente con colore grigio e verde, mentre le macchie con tessere di colore nero. Il pannello sembra essere composto da diverse lastre musive, unite da una lunga linea orizzontale. Sono presenti alcune lacune, dovute probabilmente al distacco, risarcite con tessere bianche. La disposizione delle figure appare non sempre coerente tanto da far supporre una ricomposizione operata durante gli interventi di restauro antichi.

Il riquadro viene scoperto nel 1834, insieme ad altri quattro delle stesse dimensioni e due minori, nella tenuta Borghese in una frazione di Torrenova, località Vermicino-Quarto della Giostra, sulla via Casilina. In quel momento Luigi Canina, presente al momento del rinvenimento, ritenne tuttavia che i mosaici fossero conosciuti già nel XVII secolo e che la denominazione Quarto della Giostra, data alla zona, derivasse dal termine con il quale erano indicati, al tempo, i combattimenti contro animali. Durante gli scavi, voluti dal principe D. Francesco Borghese Aldobrandini, venne portata alla luce un’ampia villa suburbana. Canina testimoniava come i mosaici decorassero un criptoportico disposto lungo un lato del peristilio più interno, per una lunghezza di circa 140 palmi e una larghezza di 12. Secondo lo studioso “Due terze parti di questo mosaico furono trovate ben conservate ed il rimanente mancante. Si divideva in cinque riquadri cinti di meandro fatto pure in mosaico di due semplici colori” (Canina, 1834, pp. 193-194). Dell’originaria estensione del pavimento si conserva esclusivamente la parte figurata di 27,90 metri, mentre le cornici a meandro risultano perdute. La composizione si snoda inun unico fregio narrativo, rappresentando più fasi di un singolo avvenimento, scene di combattimenti gladiatori, munera, e di caccia, venationes, su un fondo monocromo bianco. Alcune figure sono individuate con il loro nome. Dopo il rinvenimento, i mosaici, divisi in riquadri rettangolari, furono trasferiti a Roma e conservati, fino al 1839, nel Casino dell’Orologio, dove furono restaurati da Gaetano Ruspi e da Filippo Scaccia (Archivio Apostolico Vaticano, busta 347, fascicolo 6). In tale data i pannelli,posti nel salone, furono riprodotti da Giuseppe Santalmassi. 

Luigi Rocchetti, nel 1961, realizza un ampio studio dei mosaici, concentrato in particolare sulla resa stilistica delle figure. Lo studioso osserva che gli orbicula delle vesti sono raffigurati in maniera accurata secondo l’uso della fine del III secolo d.C. Inoltre, per le decorazioni geometriche che compaiono sulla spalla del venator Melitio, individua una somiglianza con quelle che decorano le vesti dei tre personaggi impegnati in una caccia al rinoceronte nel mosaico di Piazza Armerina, datato al IV secolo d.C. (Gentili 1959, tav. XXVII). Per quanto riguarda la pettinatura del venator, con i capelli che scendono in maniera ordinata fino alla fronte lasciando libera la tempia e congiungendosi con folte basette alla barba, viene proposta una datazione alla seconda metà del III secolo d.C. Più precisamente, sotto il regno di Diocleziano, come conferma un aureo dello stesso imperatore e un altro di Galerio Massimiano, conservati al Museo Nazionale Romano (Panvini Rosati 1961).

Nell’esame epigrafico lo studioso rileva un principio di apicatura, la L del nome Melitio, con la sbarra inferiore obliqua verso il basso, che sembra essere diffusa soprattutto nel III e IV secolo (Hübner 1885, p. LXI).Rocchetti conclude osservando una diversa resa tra le figure dei gladiatori, caratterizzate e dinamiche, e quelle dei venatores, maggiormente stilizzate e prive di individualità ritrattistica. Anche la figura delle pantere sembra ispirarsi ad una iconografia stereotipata e ripetitiva in una composizione che risulta infine monotona e ferma rispetto alle scene gladiatorie degli altri pannelli.

Dal periodo tardo-antonino si diffonde in Italia l’uso di abbellire gli ambienti privati con scene di munera gladiatoria, che avevano lo scopo di esaltare le virtutes e il prestigio del committente. Le rappresentazioni musive potevano raffigurare singoli soggetti all’interno di riquadri in composizioni decorative complesse oppure costituire un unico fregio narrativo in uno schema più articolato. Alla prima tipologia, costituita da una struttura ad emblemata, si possono ascrivere due mosaici provenienti dalla via Appia e conservati presso il Museo Archeologico di Madrid. Dell’uno, rinvenuto all’altezza della chiesetta Quo Vadis nel 1720 e pertinente probabilmente alla decorazione pavimentale di un edificio funerario, si conservano solo due quadretti in tessere policrome raffiguranti delle quadrighe. I riquadri a tema gladiatorio, invece, sono testimoniati esclusivamente da due raffigurazioni pittoriche conservate nella collezione Eton. L’altro, portato alla luce nel 1670 nel cosiddetto orto del Carciofolo fuori Porta Capena e pervenutoci anch’esso solo con due emblemata figurati di tessere policrome, doveva decorare le pareti di un ambiente termale di un edificio di notevoli dimensioni.

Uno schema a narrazione continua con scene di venationes presenta, invece, il pavimento musivo in tessere policrome proveniente da un ambiente di una domus sul Colle Aventino, datato al IV secolo d.C. (Blake 1940, p.118, pl. 30).

Per il mosaico Borghese, la mancanza di ulteriori informazioni sul contesto di rinvenimento ad eccezione della pubblicazione di Luigi Canina, induce ad avanzare un’ipotesi di datazione basata esclusivamente sui dati stilistici e inquadrabile in un periodo tra il III e il IV secolo d.C.

 

 

 

Giulia Ciccarello

 

close
Provenienza
Open Chiudi

Proviene dagli scavi del 1834 in una frazione diTorrenova sulla via Casilina; dal 1839 posto nella collocazione attuale. Acquisto dello Stato con la palazzina, 1902.

close
Mostre
Open Chiudi

 

 

close
Restauri
Open Chiudi

XIX secolo interventi nel lato inferiore destro, di restauro l’animale stante. Il montaggio è arbitrario.

1908 R. Lazzari

1926 C. Fossi

1960 P. Saltelli

1989 Consorzio ARKE’

2020/2021 Istituto Centrale del Restauro: progetto scientifico di diagnostica e di restauro 

 

 

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

L. Canina, Scavi all’Agro Romano, in “Bullettino dell’Instituto di Corrispondenza archeologica”, Roma 1834, pp.193-196

A. Nibby, Analisi storico-topografico-antiquaria della carta de’ dintorni di Roma, Roma 1837, p.238

Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese, Roma 1840, p.7

A. Nibby, Roma nell’anno 1838, Roma 1841, pp. 911-912

C. Cavedoni, Explicatio Musivi in villa Burghesiana asservati, quo certamina Amphitheatri repraesentata extant, in “Bullettino dell’Instituto di Corrispondenza Archeologica”, 1846, pp. 189-193

Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa BorgheseRoma 1854 (1873), p.9

E. Hübner, Exempla Scripturae epigraphicae Latinae, Berlino, 1885, p. LXI

A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p.13

G. Giusti, La Galerie Borghèse et la Ville Humbert Première à Rome, Roma 1904, p.15

H. Bulle, Der schöne Menschim Altertum, Munchen 1912, pp.148-149, tav.79

W.Helbig, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer Altertümer in Rom (3° edizione), II, Leipzig 1913, pp.124-126

A. De Rinaldis, La R. Galleria Borghese in Roma, Roma 1935, p.6

M.E. Blake, Mosaics of the Late Empire in Rome and Vicinity, in “Memoirs of the American Academy in Rome”, 1940, pp.113-115, fig. tav. 30, 1-5

L. Vlad Borrelli, s.v.Gladiatore, in “Enciclopedia dell’arte antica, classica e orientale”, III, pp. 943-944, fig.1183

L. Robert, VII- Monuments de gladiateurs dans l’Orient grec, in “Hellenica” V, 1948, pp.83-85

A.B. Freijeiro, Mosaicos romanos con escenas de circo y anfiteatro en el Museo Arqueologico Nacional, in “Archivo español de arqueologia”, 23, 1950, pp. 132-133, figg.3-7

A. Riegl, Spätrömische Kunstindustrie, Bingen am Rhein 1953, p.223

A. Rumpf, Malerei und Zeichnung, in “Handbuch der Archäologie” VI, München 1953, p. 290

P. Della Pergola, La Galleria Borghese in Roma, (3° Edizione), Roma 1954, p.6

G. V. Gentili, La Villa Erculia di Piazza Armerina. I mosaici figurati, Roma 1959

F. Panvini Rosati, I Tetrarchi, Roma 1961

L. Rocchetti, Il mosaico con scene d’arena al Museo Borghese, in “Rivista dell’Istituto Nazionale d’Archeologia e Storia dell’arte”, 1961, pp. 79-115, figg. 1-16, 25; in particolare fig. 6-8

I. Lavin, The Hunting Mosaics of Antioch and their Sources. A Study of Compositional

Principles in the Development of Early Medieval Style, in “Dumbarton Oaks Papers”, 17, 1963, p. 257, fig.120

J. Coste,  Il luogo di ritrovamento del mosaico con gladiatori a Villa Borghese, in “Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma”, 80, 1965-67, pp. 127-149

W. Helbig, H. Speier, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer Altertümer in Rom, (4°Edizione), a cura di H. Speier, II, Tübingen 1966, pp. 711-714, n. 1951

G. Becatti, La mosaïque gréco-romaine, II, in “Actes du IIe colloque international pour l’étudede la mosaïque antique”, Paris 1975, pp.173-190, 187, tav. LXV, 1; D, 2

K.M.D. Dunbabin, The mosaics of Roman North Africa, in “Studies in Iconography and Patronage”, Oxford 1978, pp. 213-214 

P. Moreno, Museo e la Galleria Borghese, La collezione archeologica, Roma 1980, p.10

P. Moreno, S. Staccioli, Le collezioni della Galleria Borghese, Milano 1981, p.102, fig.93, pp.96-103, n.113

S. Mancioli, Giochi e spettacoli, in “Vita e costumi dei romani antichi”, 4, 1987, p.53, fig.27

P. Sabbatini Tumolesi,Epigrafia anfiteatrale dell’Occidente romano, I Roma, in “Vetera” 2, 1988, pp.96-103, n. 113, tavv.XXVI-XXVIII, 1

P. Sabbatini Tumolesi, Per una nuova lettura del c.d. Mosaico Borghese, in “Nikephoros”, 3, 1990, pp.195-203

J.M. Blázquez, G. López Monteagudo, M.L. Neira Jiménez, M.P. San Nicolás Pedraz, Pavimentos africanos con espectaculos de toros. Estudio comparativo a propósito del mosaico de Silin (Tripolitania),  in “Antiquités africaines” 26, 1990, p.152, fig.18

R. Pratesi, Gli spettacoli anfiteatrali nelle rappresentazioni musive di Roma e dintorni, in “Archivio della Società romana di Storia Patria”, 113, 1990, pp.12-15 

R. Lanciani, Storia degli scavi di Roma e notizie intorno le collezioni romane di antichità, V,  Roma 1994, p. 29

D.E. Johnston, Some Possible North African influences in Romano-British mosaics, in “Ancient Mosaics”, 1994, p. 300, fig. 8

K. Werner, Mosaiken aus Rom. Polychrome Mosaikpavimente und Emblemata aus Rom und Umgebung, Würzburg 1994, pp. 324-331, K149

G. Ch. Picard, Tradition iconographique et représentation de l’actualité dans la mosaïque antique, in “Mosaïque gréco-romaine”, 1994, p.48

G.L. Gregori, La fine della gladiatura, in Il Colosseo, a cura di A. Gabucci, Milano 1999, pp.  92-93, 96

P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p.61, n.24

D. Augenti, Spettacoli del Colosseo nelle cronache degli antichi, Roma 2001, pp.50-52, nn. 20-21

P. Moreno, A.Viacava, I marmi antichi della Galleria Borghese. La collezione archeologica di Camillo e Francesco Borghese, Roma 2003, pp. 136-137, n. 102b

M. Valenti,  Ager Tusculanus (IGM 150 III NE – II NO), in “Forma Italiae, 41”, Firenze 2003, pp. 105-107, figg. 22-23

M. Papini, Munera gladiatoria e venationes nel mondo delle immagini, in “Memorie dell’Accademia Nazionale dei Lincei. Classe di Scienze morali, storiche e filologiche”, Roma 2004, p. 20, fig. 7, p. 25, pp. 170-175, figg. 77-78

S. Fogagnolo, Mosaico con scene di munus gladiatorum dalla Galleria Borghese: riesame di un soggetto poco diffuso, “Atti del XI Colloquio dell’Associazione Italiana per lo Studio e la Conservazione del Mosaico” (Ancona, 16-19 febbraio 2005), Tivoli 2006, pp. 255-264, figg. 2-7

F. Castiello, I mosaici con scene gladiatorie nella Galleria Borghese: progetto di conservazione, protocollo di protezione e valorizzazione di un pavimento musivo di età romana reimpiegato in contesto museale, Tesi di laurea magistrale ICR, a. a. 2019-20, relatori D. Gennari, M. Botticelli, C. D. Fossanova, M. C. Laurenti, M. Minozzi, B. Provinciali, A. R. Rubino, C. Santangelo, M. Tommasini

 

Scheda di catalogo 12/01008369, P. Moreno 1975; aggiornamento G. Ciccarello 2020

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa