Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Mosaico pavimentale con gladiatori e cacciatori

III-IV secolo d.C.

Arte romana


Il pannello, a tessere musive policrome, raffigura due scene differenti: a sinistra sette uomini affrontano un grosso toro, sei sono caduti e feriti nello scontro, il settimo, anch’esso ferito, trattiene l’animale. Sulla destra due guerrieri si scontrano contro un gruppo di animali, un toro, uno struzzo, un alce e un cervo. Una delle due figure, posta in primo piano, trafigge un leone con una lancia. I personaggi, dalle vesti ben caratterizzate, sono rappresentati su un fondo monocromo di tessere bianche. Il mosaico, rinvenuto insieme ad altri quattro e a due di dimensioni minori, doveva decorare, anticamente, il pavimento di un criptoportico di una villa suburbana scavata nel 1834 nella tenuta Borghese di Torrenova, lungo la via Casilina. Gli scavi furono eseguiti per volere del principe Francesco Borghese Aldobrandini. I pannelli mostrano scene di caccia (venationes) e di combattimenti gladiatori (munus), secondo l’uso di esibire all’interno della propria domus avvenimenti autocelebrativi. Numerosi studi collocano il mosaico tra il III e il IV secolo d.C.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | tessere in marmo


Misure | cm 5681 X 2156


Posizione | ingresso – Salone di Mariano Rossi


Periodo | Arte Antica


Tipologia | pittura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

Il pannello proviene, insieme ad altri quattro e a due di dimensioni minori, da un’ampia villa rinvenuta nella tenuta Borghese in una frazione di Torrenova, località Vermicino-Quarto della Giostra, sulla via Casilina. Gli scavi furono eseguiti nel 1834 per volere del principe D. Francesco Borghese Aldobrandini. Secondo Luigi Canina ”serviva di nobil pavimento evidentemente ad un criptoportico ossia un portico chiuso, disposto lungo un lato del peristilio più interno dell’antica villa anzidetta. Si estendeva quel mosaico in un suolo della lunghezza di circa 140 palmi e della larghezza di 12; ed il locale sembra esser stato fabbricato a tale uso espressamente. Due terze parti di questo mosaico furono trovate ben conservate e il rimanente mancante. Si divideva in cinque riquadri cinti di meandro fatto pure in mosaico di due semplici colori” (Canina, 1834, pp. 193-194).

I mosaici dovevano quindi decorare un criptoportico, lungo in origine circa 45 metri, che correva attorno al peristilio di una villa appartenente, anticamente, al suburbio di Roma. Della decorazione musiva si conserva esclusivamente la parte figurata di 27,90 metri; le cornici a meandro risultano perdute. La composizione è articolata come un unico fregio narrativo, con la rappresentazione di più fasi di un singolo avvenimento. Su un fondo di tessere bianche sono raffigurate le scene finali di combattimenti gladiatori, munera, e di caccia, venationes, con l’indicazione dei nomi dei protagonisti.

I mosaici, divisi in riquadri rettangolari e asportati con la tecnica dello strappo, furono trasportati a Roma e posti, fino al 1839, nel Casino dell’Orologio, luogo in cui furono restaurati da Gaetano Ruspi e da Filippo Scaccia (Archivio Apostolico Vaticano, busta 347, fascicolo 6). A questa data i pannelli risultano collocati nel salone, dove Giuseppe Santalmassi ebbe modo di realizzare disegni e incisioni. Il restauro non ha intaccato l’uniformità della scena e le piccole lacune, dovute probabilmente al distacco, sono concentrate soprattutto sul fondo bianco risarcito. Sono visibili, tuttavia, alcune figure che si conservano in maniera parziale.

Il pannello in questione, posto al centro del salone, mostra due scene distinte su fondo bianco, sul quale fasce di colore marrone indicano il terreno dell’arena e le ombre dei personaggi sottolineano la profondità delle figure. Sono raffigurati un gruppo di uomini caduti e feriti sotto l’attacco di un toro e una scena di venatio, con due cacciatori impegnati contro un gruppo di animali. A sinistra sette figure, disposte su piani paralleli, circondano un toro trattenuto da un uomo sanguinante. Sono ritratte nell’atto di cadere o già cadute e indossano tuniche verdi con clavi e bordi neri. A destra il venator Sabatius, vestito di una tunica con orbiculi, lotta contro un grande toro dal pelo marrone; dietro l’animale sono presenti uno struzzo e un alce; un cervo dalle corna ramificate è disteso a terra. In primo piano un secondo venator trafigge un leone con la lancia. Di difficile lettura risulta una figura sotto al ventre del leone e una seconda dietro alla figura di Sabatius, della quale si conserva solo una manica.

Numerosi sono gli studi che si sono occupati del mosaico Borghese in seguito al ritrovamento. Nella pubblicazione di Luigi Canina, dello stesso anno 1834, viene avanzata l’ipotesi di una scoperta del pavimento musivo già nel XVII secolo. Da esso deriverebbe la denominazione Quarto della Giostra, termine con il quale venivano indicati, al tempo, i combattimenti contro animali. Luigi Rocchetti, al quale si deve una prima esaustiva disamina nel 1961, individua, per il pannello in questione, una realizzazione sommaria nella fisionomia dei volti dei venatores rispetto ai ritratti particolareggiati dei gladiatori negli altri pannelli, osservazione che avanzerebbe dei dubbi sull’unità di conservazione dell’opera. Per quanto riguarda le vesti, vede negli orbiculi puntinati, che ornano la tunica del venator in lotta contro il leone, una particolare similitudine con quelli del venator nella scena della caccia al cinghiale del mosaico di Piazza Armerina, datato al IV secolo d.C. Rocchetti trova che la pettinatura del venator Sabatius, resa a riccioli, e quella di un caduto del gruppo a sinistra, a ciuffi singoli, si ritrovino quasi identiche nei personaggi del rilievo con la raffigurazione della largitio dell’arco di Costantino. Dal punto di vista epigrafico l’evidente apicatura di alcune lettere, come la A con un marcato tratto orizzontale che sporge verso destra, conferma per l’autore una datazione tra III e IV secolo. Al medesimo periodo conduce un’analisi dell’onomastica: il culto di Sabatius, dio di origine tracia, ebbe grande diffusione a Roma nel III secolo d.C., affiancato a quello della Dea Caelestis, come attestano le numerose epigrafi conservate. (Guarducci 1946-1948, pp. 11-25; Cordischi 1990, pp. 193-200). L’autore conclude, infine, avanzando l’ipotesi di due diverse maestranze nella realizzazione per rendere conto della discrepanza tra le scene gladiatorie e quelle venatorie. 

Il tema dei munera gladiatoria nelle produzioni musive si diffonde nelle provincie dell’Impero con raffigurazioni di soggetti isolati posti all’interno di riquadri in composizioni decorative complesse o nell’area africana in raffigurazioni più articolate trattate come un fregio narrativo. In Italia le testimonianze sono piuttosto esigue, concentrate soprattutto in ambito domestico dal periodo tardo-antonino, quando le domus assumono il ruolo di luoghi destinati all’autocelebrazione del dominus, in cui si esaltano il prestigio e le virtus del padrone di casa. Petronio nel Satyricon testimonia la presenza di affreschi raffiguranti scene gladiatorie nella casa del liberto Trimalchione, già nel I secolo d.C.

A Roma sono varie le testimonianze pertinenti a contesti privati. Dal colle Aventino proviene un mosaico di tessere policrome,datato al IV secolo d.C., con scene di venatio. La decorazione musiva, strutturata come un unico svolgimento, doveva ornare un ambiente di rappresentanza di una domus (Blake 1940, p.118, pl. 30).

Una struttura ad emblemata presentano due mosaici, oggi conservati presso il Museo Archeologico di Madrid, rinvenuti sulla via Appia. Del primo, portato alla luce nel 1720 all’altezza della chiesetta Quo Vadis, si conservano solo due quadretti policromi raffiguranti delle quadrighe, mentre le figure di gladiatori sono ricordate esclusivamente da due raffigurazioni pittoriche della collezione Eton. I frammenti dovevano essere pertinenti a un’ampia decorazione pavimentale suddivisa geometricamente in riquadri, che doveva decorare un ambiente di un monumento funerario. Il secondo, portato alla luce nel 1670 nel cosiddetto orto del Carciofolo, fuori Porta Capena, doveva decorare le pareti di un ambiente termale di un edificio di notevoli dimensioni; anche di questo ci sono pervenuti solo due emblemata figurati di tessere policrome.

In conclusione, la mancanza di dati sul contesto di ritrovamento, ad eccezione della pubblicazione di Luigi Canina, porta ad ipotizzare per il mosaico Borghese, soprattutto sulla base di considerazioni stilistiche, una datazione tra il III e il IV secolo d.C.

 

 

 

Giulia Ciccarello

close
Provenienza
Open Chiudi

Proviene dagli scavi del 1834 in una frazione di Torrenova sulla via Casilina. Acquisto dello Stato, 1902. 

close
Restauri
Open Chiudi

XIX secolo zone bianche di fondo lungo i lati della composizione e in alto a sinistra dove alcune figure sono rimaste mutilate.

1989 Consorzio ARKE’

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

L. Canina, Scavi all’Agro Romano, “Bullettino dell’Instituto di Corrispondenza archeologica”, Roma 1834, pp. 193-196
A. Nibby, Analisi storico-topografico-antiquaria della carta de’ dintorni di Roma, Roma 1837, p. 238
Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese, Roma 1840, p. 7
Nibby, Roma nell’anno 1838, Roma 1841, pp. 911-912
C. Cavedoni, Explicatio Musivi in villa Burghesiana asservati, quo certamina Amphitheatri repraesentata extant, “Bullettino dell’Instituto di Corrispondenza Archeologica”, 1846, pp. 189-193
Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese, Roma 1854 (1873), p. 9
A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 13
G. Giusti, La Galerie Borghèse et la Ville Humbert Première à Rome, Roma 1904, p. 15
H. Bulle, Derschöne Menschim Altertum, Munchen 1912, pp.148-149, tav. 79
W.Helbig, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer Altertümer in Rom (3° Edizione), a cura di W. Amelung, II, Leipzig 1913, pp. 124-126
A. De Rinaldis, La R. Galleria Borghese in Roma, Roma 1935, p. 6
M.E. Blake, Mosaics of the Late Empire in Rome and Vicinity, in “Memoirs of the American Academy in Rome”, 1940, pp. 113-115, fig. tav. 30, 1-5
L. Vlad Borrelli, “Enciclopedia dell’arte antica, classica e orientale” III, p. 943-944, fig. 1183
M. Guarducci, Nuovi documenti sul culto di Caelestis a Roma, in “Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma”, LXXII, 1946-48, pp. 11-25
L. Robert, VII- Monuments de gladiateurs dans l’Orient grec, in “Hellenica” V, 1948, pp. 83-85
A.B. Freijeiro, Mosaicos romanos con escenas de circo y anfiteatro en el Museo Arqueologico acional, in “Archivo español de arqueologia”, 23, 1950, pp.132-133, figg.3-7
A. Riegl, Spätrömische Kunstindustrie, Bingen am Rhein 1953, p. 223
A. Rumpf, Malerei und Zeichnung, in “Handbuch der Archäologie” VI, München 1953, p. 290
P. Della Pergola, La Galleria Borghese in Roma, (3° Edizione), Roma 1954, p. 6
L. Rocchetti, Il mosaico con scene d’arena al Museo Borghese, in “Rivista dell’Istituto Nazionale d’Archeologia e Storia dell’arte”, 1961, pp. 79-115, figg. 1-16, 25
I. Lavin, The Hunting Mosaics of Antioch and their Sources. A Study of Compositional Principles in the Development of Early Medieval Style, in “Dumbarton Oaks Papers” 17, 1963, p. 257, fig. 120
J. Coste, Il luogo di ritrovamento del mosaico con gladiatori a Villa Borghese, in “Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma”, 80, 1965-67, pp. 127-149
W. Helbig, H. Speier, Führerdurch die öffentlichen Sammlungen klassischerAltertümer in Rom, (4°Edizione), a cura di H. Speier, II, Tübingen 1966, pp. 711-714, n. 1951
G. Becatti, La mosaïque gréco-romaine, II, “Actes du IIe colloque international pour l’étude de la mosaïque antique”, Paris 1975, pp. 173-190, 187, tav. LXV, 1; D, 2
K.M.D. Dunbabin, The mosaics of Roman North Africa, in “Studies in Iconography and Patronage”, Oxford 1978, pp. 213-214
P. Moreno, Museo e la Galleria Borghese, La collezione archeologica, Roma 1980, p.10, fig.13
P. Moreno, S.Staccioli, Le collezioni della Galleria Borghese, Milano 1981, p.102,fig.93, pp. 96-103, n. 113
S. Mancioli, Giochi e spettacoli, in “Vita e costumi dei romani antichi”, 4, 1987, p.53 fig.27
P. Sabbatini Tumolesi, Epigrafia anfiteatrale dell’Occidente romano, I Roma, in “Vetera” 2, 1988, pp. 96-103, n. 113, tavv. XXVI-XXVIII, 1
P. Sabbatini Tumolesi, Per una nuova lettura del c.d. Mosaico Borghese, in “Nikephoros”, 3, 1990, pp. 195-203
J.M.Blázquez, G. López Monteagudo, M.L. NeiraJiménez, M.P. San Nicolás Pedraz, Pavimentos africanos con espectaculos de toros. Estudio comparativo a propósito del mosaico de Silin (Tripolitania), in “Antiquités africaines” 26, 1990, pp. 152, fig. 18
R. Pratesi, Gli spettacoli anfiteatrali nelle rappresentazioni musive di Roma e dintorni, in “Archivio della Società romana di Storia Patria”, 113, 1990, pp. 12-15
L. Cordischi, La Dea Caelestis ed il suo culto attraverso le iscrizioni: 1. Le iscrizioni latine di Roma e dell’Italia, in “Archeologia Classica”, 1990, Vol. 42, pp. 161-200
R. Lanciani, Storia degli scavi di Roma e notizie intorno le collezioni romane di antichità, V, Roma 1994, p. 29
D.E. Johnston, Some Possible North African influences in Romano-British mosaics, in “Ancient Mosaics”, 1994, p.300, fig.8
K.Werner, Mosaiken aus Rom. Polychrome Mosaik pavimente und Emblemata aus Rom und Umgebung, Würzburg 1994, pp. 324-331, K149
G. Ch.Picard, Tradition iconographique et représentation de l’actualité dans la mosaïque antique, “Mosaïque gréco-romaine”, 1994, p. 48
G.L. Gregori, La fine della gladiatura, in Il Colosseo, a cura di A. Gabucci, Milano 1999, p.96 P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p.61, n.24
D. Augenti, Spettacoli del Colosseo nelle cronache degli antichi, Roma 2001, pp. 38-39, 56-57, nn. 13, 24
P. Moreno, A.Viacava, I marmi antichi della Galleria Borghese. La collezione
archeologica di Camillo e Francesco Borghese, Roma 2003, pp. 136-137, n. 102a
M. Valenti, Ager Tusculanus (IGM 150 III NE – II NO), in “Forma Italiae, 41”, Firenze 2003, pp. 105-107, figg. 22-23
M. Papini, Munera gladiatoria e venationes nel mondo delle immagini, in “Memorie Accademia Nazionale dei Lincei. Classe di Scienze morali, storiche e filologiche”, Roma 2004, p.20, fig.7, p.25, pp. 170-175, figg. 77-78
S. Fogagnolo, Mosaico con scene di munusgladiatorum dalla Galleria Borghese: riesame di un soggetto poco diffuso, “Atti del XI Colloquio dell’Associazione Italiana per lo Studio e la Conservazione del Mosaico” (Ancona, 16-19 febbraio 2005), Tivoli 2006, pp. 255-264, figg. 2-7
Scheda di catalogo 12/01008368, P. Moreno 1975; aggiornamento G. Ciccarello 2020

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa