Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Oratorio domestico con storie della vita di Maria Vergine e di Cristo

XVI/ XVII secc.

Wallbaum Matthias
(Kiel 1554 - Augusta 1632)


Il prezioso altare portatile, di eccezionale valore artistico, è costituito da una complessa struttura architettonica di impostazione tardogotica, con statuine, rilievi ed elementi decorativi applicati. Su un basamento rettangolare inquadrato da una cornice a motivi naturali, con quattro riquadri con gli Evangelisti, s’innesta un’ancona a tre piani sovrapposti, alla base della quale è uno zoccolo con statuine e nicchie, due delle quali contenenti l’Arcangelo Gabriele e la Madonna Annunciata. Nel primo ordine, al centro, è un bassorilievo con l’Immacolata Concezione affiancato da due nicchie con le figure della Fede e della Carità e da quattordici riquadri con scene della Vita e della Passione di Cristo. All’esterno sono i quattro Dottori della Chiesa. Il secondo ordine ospita al centro la raffigurazione del Cristo deposto, il terzo Cristo giudice; chiude un coronamento con Crocefissione e figure di Apostoli.
L’altarolo è opera di Matthias Wallbaum, come testimoniato dai punzoni rinvenuti nella zona inferiore sinistra del riquadro mediano. Fu probabilmente acquistato dal cardinale Scipione Borghese prima del 1619, anno in cui risulta citato in un inventario. Il rilievo che rappresenta la Pietà è tratto da un disegno di Guglielmo della Porta, prototipo di numerose paci e placchette prodotte a partire dagli anni Sessanta del Cinquecento.

 

 


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | argento a fusione, sbalzato, stampato, ebano


Misure | cm.105x40


Inventario | CCLXXIII

Posizione | Cappella


Periodo | '500


Tipologia | scultura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Mostre
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

Il basamento rettangolare, che richiama la foggia di una mensa d’altare, è decorato da una cornice a volute e motivi naturali, con fiori dorati agli angoli. La cornice inquadra quattro riquadri con la raffigurazione degli Evangelisti intenti a scrivere, accompagnati dal loro simbolo: l’angelo per Matteo, il leone per Marco, il toro per Luca e l’aquila per Giovanni. Sono rappresentati nel loro studio o in un interno architettonico, tranne Giovanni che si trova in un’ambientazione naturale. Su tale basamento, s’innesta un’ancona a tre livelli o ordini, impostata su un alto zoccolo che funge da predella; questo è suddiviso da quattro pilastri in tre nicchie, la centrale, maggiore, quadrata, ornata da cherubino e figure forse profetiche, e le due laterali centinate, con le raffigurazioni dell’Arcangelo Gabriele e della Madonna Annunciata. Davanti ai pilastrini sono statuine delle Virtù. Il primo e principale ordine dell’ancona presenta al centro un bassorilievo centinato con l’Immacolata Concezione, fiancheggiato da due nicchie con le figure della Fede e della Carità e circondato da quattordici riquadri con le seguenti scene: Adorazione dei Magi, Fuga in Egitto, Gesù tra i Dottori, Ingresso a Gerusalemme, Lavanda dei piedi, Orazione nell’orto, Cattura di Cristo, Cristo Davanti a Pilato, Cristo deriso, Flagellazione, Incoronazione di Spine, Ecce Homo, Andata al Calvario, Cristo al Limbo. All’esterno, sui due lati, sono aeree nicchie a giorno con i quattro Dottori della Chiesa. Il secondo ordine ospita al centro la raffigurazione della Pietà, in una formulazione divenuta canonica per una serie di “paci” o tavole usate per la venerazione. Vi è rappresentata la Vergine che sostiene il Cristo deposto mentre, in basso, il particolare delle tenaglie fa riferimento allo schiodamento dalla croce, appena avvenuto. Nel terzo livello troviamo la raffigurazione di Cristo giudice, seduto nei cieli tra gli eletti e sostenuto da angeli con le trombe del Giudizio; in basso sono le due schiere di anime destinate al Paradiso o agli Inferi. Chiude la composizione un coronamento con il Crocifisso, su una base con rilievo dell’Ultima Cena, e le figure di Cristo, risorto e vittorioso sul demonio, e di Apostoli.

L’altarolo portatile, detto anche oratorio domestico, è opera di Matthias Wallbaum, come testimoniato dai punzoni rinvenuti nella zona inferiore sinistra del riquadro mediano con il Cristo deposto. L’artista tedesco, attivo ad Augusta, era un esperto di questo tipo di oggetti, frutto della collaborazione di un ebanista e di un argentiere ed estremamente costosi per la lavorazione e i materiali usati. L’opera è databile certamente dopo il 1579, anno in cui viene usato il marchio della città di Augusta, rinvenuto sull’oggetto, datazione probabilmente restringibile verso la fine del secolo, dato che Wallbaum prese la patente di maestro nel 1590 (Rosenberg 1922, nn. 126, 428). Il suo marchio rappresenta un albero di noce, wallnussbaum in tedesco, assimilabile al suo nome (Pedrocchi, in Una donna vestita di sole, 2005, p. 203).

L’oggetto fu probabilmente acquistato dal cardinale Scipione Borghese, grande collezionista di questo tipo di manufatti, realizzati in genere da artisti tedeschi per il mercato italiano. L’acquisto avvenne prima del 1619, anno in cui l’altarolo risulta citato in un inventario della famiglia (Faldi 1954, p. 62, cat. 60;). Il rilievo che rappresenta la Pietà è tratto da un disegno di Guglielmo della Porta, prototipo di numerose paci e placchette prodotte a partire dagli anni Sessanta del Cinquecento (si vedano per confronto gli esempi conservati a Washington, National Gallery of Art; New York, Metropolitan Museum of Art).

 

 

 

Sonja felici

close
Provenienza
Open Chiudi

Nota delle gioie consegnate a Don Marcantonio Senior, 1619 ca. (Archivio Segreto Vaticano, Archivio Borghese, 27, n. 245; in Faldi 1954, p. 62); Inventario Fidecommissario Borghese, 1833, p. 14; Acquisto dello Stato, 1902.

 

close
Mostre
Open Chiudi

1990 Roma

2005 Città del Vaticano

close
Restauri
Open Chiudi

1953, Vitali

1989, Frugoni/ ARKE’

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 216.

M. Rosenberg, Der Goldschmiede Merkzeichen, I, Frankfurt am Main 1922, nn. 126, 428.

I. Faldi, Galleria Borghese. Le sculture dal sec. XVI al XIX, Roma 1954, pp. 62-63, cat. 60, figg. 60a-60b.

K. Herrmann Fiore, in Da Sendai a Roma. Un’ambasceria giapponese a Paolo V, catalogo della mostra (Roma, Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, 1990), a cura di G. Pittau, Roma 1990, pp. 314-315, cat. 71. fig. 167.

P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 124, fig. 6.

A. M. Pedrocchi, in Una donna vestita di sole. L’Immacolata Concezione nelle opere dei grandi maestri, catalogo della mostra (Città del Vaticano, Braccio di Carlo Magno, 2005), a cura di G. Morello, V. Francia, R. Fusco, Milano 2005, p. 203, cat. 48.

Scheda di catalogo 12/01008388; Castiglioni F., s.d.; agg. Felici S., 2020.

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa