Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Psiche trasportata all'Olimpo

Noort Lambert van, attribuito
(Amersfoort 1520 ca. - Anversa 1571)


Il dipinto raffigura Psiche che, sostenuta da tre amorini, ascende all’Olimpo secondo gli ordini di Giove. Il tema di Psiche, amata da Cupido e quindi sottoposta a prove difficilissime dalla dea Venere invidiosa della sua bellezza, affascinò spesso gli umanisti del Rinascimento che vi leggevano un’allegoria dell’unione tra la tensione dello Spirito, rappresentata da Psiche, e il Desiderio amoroso, ovvero Cupido, dal cui incontro è generato il Piacere. L’opera evidenzia nell’iconografia e nella resa stilistica un richiamo quasi palmare all’analogo tema realizzato da Raffaello alla Farnesina, tanto da venire spesso attribuita alla stretta cerchia dei suoi collaboratori. Viene pertanto datata intorno agli anni Venti, epoca nella quale Battista, in compagnia del più celebre fratello, giunge probabilmente a Roma. Recentemente la tavola già attribuita a Battista Dossi,è stata riferita al fiammingo Lambert van Noort (Amersfoort 1520c – Anversa 1570/71).


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tavola, cm 92 x 75


Inventario | 184

Posizione | I depositi


Periodo | '500


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa