Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Rinaldo e Armida

Tiarini Alessandro
(Bologna 1577 - 1668)


Con buona probabilità l’opera, il cui soggetto è uno dei più famosi temi d’amore della Gerusalemme Liberata (1581) di Torquato Tasso, può essere identificata con quella che, nel 1624, il cardinale Alessandro d’Este (1568-1624) lasciò in eredità a Scipione Borghese.

Nel dipinto il cavaliere Rinaldo, sedotto dalla maga Armida, dorme nel carro fatato che la donna sta guidando. Ella indica l’elmo dove, in bella vista, è l’aquila, allusiva alla casata estense. Appeso sulla destra è lo specchio, grazie al quale Rinaldo metterà fine all’incantesimo dopo aver visto la sua immagine riflessa.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 127,5 x 188,5


Inventario | 36

Posizione | I depositi


Periodo | '600


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa