Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Ritratto di Agrippa

XVII secolo

ambito romano


Proveniente dal Palazzo Borghese di Campo Marzio, dove, con gli altri quindici che componevano la serie, decorava la galleria, il busto raffigurante Marco Vipsanio Agrippa è esposto nella sala IV della Villa Pinciana sicuramente dal 1832. La testa, eseguita in porfido rosso, è montata su un busto in alabastro orientale.
Il generale romano, braccio destro di Augusto, è rappresentato con un sostanziale rispetto della fisionomia nota, al netto delle rigidezze che caratterizzano le opere in porfido, dettate dalla durezza del pregiato materiale in cui è scolpito.
La serie, datata dalla critica al XVII secolo, è espressione del gusto dell’aristocrazia, che amava esporre i busti dei grandi personaggi della romanità nei saloni di rappresentanza dei propri palazzi


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | porfido e alabastro orientale


Misure | altezza 92 cm


Inventario | CXXXVI

Posizione | Sala 4 – Sala degli ​Imperatori


Periodo | '600


Tipologia | scultura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

Il volto di Agrippa, girato leggermente verso sinistra, presenta arcate sopracciliari piuttosto marcate, la fronte solcata da rughe, labbra ben definite dal prolabio accentuato. Il mento, sporgente, è solcato da una fossetta. Indossa il paludamentum appuntato sulla spalla destra con una fibula tonda e drappeggiato in pieghe schiacciate che riproducono l’andamento di quelle presenti in alcuni dei busti della serie attribuita a Giovanni Battista della Porta (inv. LIII). Sulla spalla destra, la corazza assume la foggia di una testa leonina.

I tratti somatici sono caratteristici dell’iconografia di Marco Vipsanio Agrippa, nota attraverso numerosi busti antichi, di cui il paludamentum – mantello che veniva indossato da un generale romano quando comandava l’esercito – era complemento necessario, dal momento che si trattava del generale che aveva guidato le proprie truppe alla conquista dell’Egitto nel 30 a.C. Se i lineamenti del volto sembrano risentire direttamente di un precedente romano, quale il busto donato da papa Pio IV a Lorenzo de’ Medici nel 1471 (Firenze, Galleria degli Uffizi), discordante con le immagini antiche di Agrippa è la capigliatura, che non presenta le consuete ciocche di capelli distribuite sulla fronte, ma è contraddistinta da calvizie.

L’opera è esposta nella sala IV della Galleria Borghese insieme ad altri 15 busti in porfido e alabastro provenienti dal Palazzo di famiglia in Campo Marzio, dove erano collocati nella Galleria all’interno di una decorazione in stucco eseguita da Cosimo Fancelli tra il 1674 e il 1676. Stando ai documenti conservati nell’Archivio Borghese la serie era composta dai “Dodici Cesari” con l’aggiunta di Nerva e Traiano, di un secondo Vitellio e di un altro Tito (ASV, AB, b. 5688, n. 15, pubblicati in Hibbard 1962, appendice, doc. I, pp. 19-20). Nel 1830 Nibby li identifica– ancora in Campo Marzio – come “16 busti con teste di porfido, rappresentanti i 12 Cesari e 4 consoli”, e due anni dopo, quando ormai sono esposti lungo le pareti della sala IV, li elenca come Traiano, Galba, Claudio, Otone, Vespasiano (2 esemplari), Scipione Africano, Agrippa, Augusto, Vitellio (2 esemplari), Tito, Nerone, Cicerone, Domiziano, Vespasiano, Caligola e Tiberio. Se l’ultima citazione – comprendente anche un secondo Vespasiano, eseguito da Tommaso Fedeli nel 1619, proveniente dalla sala del Gladiatore – è quella che corrisponde allo stato attuale della serie (e trova conferma nell’Inventario Fidecommissario del 1833), resta difficile comprendere che fine abbiano fatto i ritratti di Cesare, Tito e Nerva, presenti nel 1674-76 e non più rintracciabili nella serie attuale, chi fosse il quarto console indicato da Nibby nel 1830, dal momento che oggi ve ne sono solo tre (Agrippa, Cicerone e Scipione Africano) e quale sia la provenienza di questi ultimi. Appare quindi ipotizzabile che i busti utilizzati nella galleria – già presenti nel Palazzo Borghese – non corrispondessero ai personaggi previsti nel programma iconografico della volta e che da questa difformità possano essere derivati i successivi errori di identificazione delle fonti. In tale scenario il busto di Agrippa, ipotizza Hibbard, potrebbe essere stato utilizzato al posto di quello di Giulio Cesare (1962, p. 11 n. 12). In accordo con queste possibili sostituzioni è anche la datazione dell’insieme, che la critica è concorde nel ritenere eseguito contemporaneamente, nel XVII secolo (Faldi 1954, pp. 16-17; Della Pergola, 1974; Moreno, C. Stefani, 2000, p. 129; Del Bufalo 2018, p. 116).

 

 

 

Sonja Felici

 

close
Provenienza
Open Chiudi

Inserito tra il 1674 e il 1676 nella decorazione della Galleria del Palazzo Borghese in Campo Marzio (H. Hibbard, Palazzo Borghese Studies. II, the Galleria, in “The Burlington magazine”, 104, 1962, p. 11 n. 12). Inventario Fidecommissario Borghese, 1833, C, p. 49, n. 111. Acquisto dello Stato, 1902.

close
Restauri
Open Chiudi

1995/1996 C.B.C. Coop. a.r.l.

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

P. de’ Sebastiani, Viaggio curioso de’ palazzi e ville più notabili di Roma, Roma 1683, p. 26.

F. Deseine, Description de la ville de Rome en faveur des étrangers, Lyon 1690, II, p. 50.

P. Rossini, Il Mercurio errante delle grandezze di Roma, tanto antiche, che moderne, Roma1693, p. 41.

G.P. Pinaroli, Trattato delle cose più memorabili di Roma tanto antiche come moderne, che in essa di presente si trovano, Roma 1725, III, p. 12.

F. de’ Ficoroni, Le singolarità di Roma moderna, Roma 1744, p. 51.

G. Roisecco, Roma antica e moderna, Roma 1750, II, p. 109.

R. Venuti, Accurata, e succinta descrizione topografica, e istorica di Roma moderna, Roma 1766, p. 170.

M. Vasi, Itinerario istruttivo di Roma e delle sue adiacenze, Roma 1794, I, p. 392.

C. Fea, Nuova descrizione di Roma antica e moderna e de’ suoi contorni, sue rarità specialmente dopo le nuove scoperte cogli scavi: arricchita delle vedute più interessanti, Roma 1820, II, p. 481.

A. Nibby, Itinerario di Roma e delle sue vicinanze, vol. 2, Roma 1830, p. 360.

A. Nibby, Monumenti scelti della Villa Borghese, Roma 1832, p. 95.

A. Nibby, Roma nell’anno MDCCCXXXVIII. Parte seconda moderna, Roma 1841, pp. 919-920.

Beschreibung der Stadt Rom, a cura di E. Z. Platner, III, 3, Stuttgart-Tübingen 1842, p. 249.

E. Pistolesi, Descrizione di Roma e suoi contorni, Roma, Gallarini, 1852, p. 385.

Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano del Palazzo della Villa Borghese, Roma 1854 (1873), I, p. 19.

A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, pp. 33-34.

A. De Rinaldis, La R. Galleria Borghese in Roma, Roma 1935, p. 13.

A. De Rinaldis, Arte decorativa nella Galleria Borghese, in “Rassegna della Istruzione artistica”, 10-11-12, 1935, pp. 311-319, in part. p. 318.

A. De Rinaldis, Catalogo della Galleria Borghese in Roma, Roma 1948, p. 25.

P. Della Pergola, La galleria Borghese in Roma, Roma 1951, pp. 14-15.

I. Faldi, Galleria Borghese. Le sculture dal sec. XVI al XIX, Roma 1954, pp. 16-17, cat. 11, fig. 11b.

H. Hibbard, Palazzo Borghese Studies. II, the Galleria, in “The Burlington magazine”, 104,1962, pp. 9-20.

Le collezioni della Galleria Borghese, a cura di S. Staccioli, P. Moreno, Milano 1981, p. 103.

K. Fittschen, Sul ruolo del ritratto antico nell’arte italiana, in Memoria dell’antico nell’arte italiana, II, I generi e i temi ritrovati, a cura di S. Settis, Torino 1985, pp. 383-412.

D. Di Castro Moscati, Il porfido rosso antico, una esclusività romana, in “Gazzetta antiquaria”, 1, 1987, pp. 42-48.

P. Moreno, C. Sforzini, I ministri del principe Camillo: cronaca della collezione Borghese di antichità dal 1807 al 1832, in “Scienze dell’Antichità”, 1, 1987, pp. 339-371.

E. Fumagalli, Palazzo Borghese: committenza e decorazione privata, Roma 1994.

Galleria Borghese, a cura di A. Coliva, Roma 1994, p. 15.

Guida alla Galleria Borghese, a cura di K. Herrmann Fiore, Roma 1997, p. 43.

D. Batorska, Designs for the Galleria in Palazzo Borghese in Rome: new proposals, in “Paragone”, 48, 1997(1998), pp. 26-45.

M.C. Marchei, Alabastro egiziano o cotognino, onice, in Marmi antichi, a cura di G. Borghini, Roma 1997, pp. 140-141, cat. 4; Porfido rosso, Ibidem, p. 274, cat. 116.

P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 129, fig. 2.

V. Curzi, Allestimenti di dimore romane tra Seicento e Settecento: un itinerario nella tradizione classicista dell’Urbe, in Il capitale culturale, Supplementi 8 (2018), pp. 301-316, in part. 305-306.

D. Del Bufalo, Porphyry. Red imperial porphyry. Power and religion, Torino 2018, p. 116, n. H79.

Scheda di catalogo 12/01008636, S. Pellizzari 1983; aggiornamento S. Felici 2020.

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa