il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito

Ritratto di giovane donna in effigie di Erodiade o Salomè

ambito lombardo


Il dipinto non è identificabile nell’inventario del fidecommisso del 1833. La mediocrità dell’esecuzione rende difficile l’attribuzione e l’appartenenza a una scuola o corrente. Geograficamente esso può comunque essere ricondotto alla cultura lombarda della fine del Cinquecento. Il dipinto, di committenza privata, unisce insieme le due forme del ritratto e dell’iconografia sacra, assimilando la figura della fanciulla a quella di Erodiade o Salomè con la testa del Battista sul piatto.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tavola, cm 55 x 43


Inventario | 121

Posizione | I depositi


Periodo | '500


Tipologia | pittura