Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Sant'Agata

1645 circa

De Rosa Francesco detto Pacecco
(Napoli 1580 ca. - 1659 ca.)


Il dipinto, donato nel 1924 alla Galleria Borghese, è stato attribuito al pittore napoletano Pacecco de Rosa. Raffigura la martire Agata, ritratta a mezzo busto, mentre con un panno copre delicatamente i seni che secondo la tradizione le furono brutalmente strappati con due grosse tenaglie per non aver abiurato la religione cristiana. La vergine, infatti, dopo aver consacrato la propria vita a Cristo incontrò Quinzano, il proconsole della regione siciliana, che invaghitosi perdutamente della sua bellezza provò con tutti i mezzi a piegarla al proprio volere, senza però riuscirci. 

 


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela


Misure | cm 62 x 52


Inventario | 566

Posizione | I depositi


Periodo | '600


Tipologia | pittura


  • Scheda
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
  • Cornice
Scheda
Open Chiudi

Donato al museo nel 1924 dalla famiglia Castellano, il dipinto fu reso noto per la prima volta da Paola della Pergola che nel 1955 accettò l’attribuzione al pittore napoletano Pacecco de Rosa, con la quale il quadro era giunto in Galleria. Secondo la studiosa, infatti, quest’opera mostra diversi punti di contatto con le mezze teste eseguite dall’artista, rivelando però “un’esecuzione piuttosto modesta”. Tale parere, accettato da Kristina Herrmann Fiore (2006), è stato indirettamente respinto da Vincenzo Pacelli (2008) che nella monografia su Pacecco non fa alcun accenno alla tela Borghese.

L’opera raffigura Agata, vergine catanese, mentre con le mani preme delicatamente un panno bianco sui seni appena recisi. La martire non mostra alcun segno di sofferenza bensì un atteggiamento freddo e distaccato, sottolineato dalla bocca serrata e dallo sguardo rivolto verso il basso che sembra voler indurre l’osservatore a meditare sul fatto appena accaduto.

L’opera, il cui stile ben si addice al catalogo del pittore, fu con buona probabilità eseguita all’interno della sua nutrita bottega dove numerosi allievi produssero dipinti di ottima qualità unendo il naturalismo di chiara matrice napoletana con le tendenze importate da Guido Reni e dai pittori emiliani attivi a Napoli.

 

Antonio Iommelli

close
Restauri
Open Chiudi

2000-2001 Paola Mastropasqua (rifoderatura, pulitura, asporto di vernici ingiallite e dei rifacimenti ad olio, verniciatura a pennello, stuccatura e rasatura delle lacune, reintegrazione pittorica e verniciatura finale; restauro della cornice)

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

R. Longhi, Precisioni nelle Gallerie Italiane, I, La R. Galleria Borghese, Roma 1928, p. 226. 

P. della Pergola, La Galleria Borghese. I Dipinti, I, Roma 1955, p. 88, n. 156. 

K. Herrmann Fiore, Galleria Borghese Roma scopre un tesoro. Dalla pinacoteca ai depositi un museo che non ha più segreti, San Giuliano Milanese 2006, p. 181.

V. Pacelli, Giovan Francesco de Rosa detto Pacecco de Rosa (1607-1656), Napoli 2008 (assente).

 

 

close
Cornice
Open Chiudi

Salvator Rosa cm 80 x 68 x 5,7

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa