Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Coppia di tavoli dodecagonali

1773

Valadier Luigi
(Roma 1726 - 1785)


Ricchezza cromatica e varietà formale caratterizzano i due tavoli, nei quali Luigi Valadier accosta materiali e lavorazioni diverse, un elemento stilistico, questo, che contraddistingue le produzioni della sua bottega.
L’equilibrata composizione delle diverse parti ha fatto ipotizzare ad alcuni studiosi un intervento disegnativo dell’architetto Antonio Asprucci, in quegli anni impegnato nei lavori di restauro della Villa Pinciana.
Il dettaglio degli ornati in bronzo è di estrema raffinatezza: le otto teste rappresentanti le Quattro Stagioni mostrano una esecuzione virtuosistica e sapiente nel dettaglio dei fiori, delle foglie, delle spighe, così come nei drappeggi e nei particolari delle barbe e dei capelli. Sono improntate a un criterio di varietas anche nelle caratterizzate espressioni dei volti.
I documenti registrano per quest’opera come nella contemporanea Erma, la collaborazione del capomastro scalpellino Benedetto Maciucchi.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | porfido, giallo antico, verde antico, bianco e nero d’Aquitania, bronzo dorato


Misure | cm. 93 x 140 x 88 cm


Inventario | CCLXXXII - CCLXXXIII

Posizione | Sala 4 – Sala degli ​Imperatori


Periodo | '700 - '800


Tipologia | scultura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Mostre
  • Restauri
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

La coppia di tavoli fu eseguita da Luigi Valadier contemporaneamente all’Erma nel 1773, come testimoniato dai mandati di pagamento destinati a lui e al capomastro scalpellino Benedetto Maciucchi (González-Palacios, Il gusto, 1993, I, p. 50; González-Palacios 2000, p. 127); come l’Erma, anche i tavoli erano destinati al palazzo di Campo Marzio, dove furono collocati nella “Galleriola dei Cesari”.

Ricchezza cromatica e varietà formale caratterizzano i due tavoli, nei quali Valadier accosta materiali e lavorazioni diverse, un elemento stilistico, questo, che contraddistingue le produzioni della sua bottega. Ipiani dodecagonali in porfido, assolutamente lineari, poggiano su piedistalli dalle forme esuberanti, formati dalla sovrapposizione, su un nucleo in peperino, di marmi policromi, di larghe volute e dischi embricati intagliati nel peperino e dorati e di quattro maschere in bronzo dorato, raffiguranti personificazioni delle Stagioni, con sembianze diverse per ciascun tavolo.

Il dettaglio degli ornati in bronzo è di estrema raffinatezza. Il ciglio del piano in porfido è orlato da un motivo a fettuccia avvolta su bastoncino, modanatura classica che torna alla base del piede, all’attacco dello zoccolo, e che si ritrova costantemente nelle decorazioni architettoniche del periodo anche nella villa. Tale ornato è fissato agli angoli del piano da perni, occultati da piccole foglie. Le otto teste di Stagioni mostrano una esecuzione virtuosistica e sapiente del dettaglio dei fiori, delle foglie, delle spighe, così come nei drappeggi e nei particolari delle barbe e dei capelli. Sono improntate a un criterio di varietas anche nelle caratterizzate espressioni dei volti (Minozzi, in Valadier, 2019, cat. 3, p. 190).

Di gusto ugualmente raffinato e vario è l’accostamento formale e cromatico di marmi e materiali diversi nei sostegni, dalle cornici e dalle grandi volute schiacciate delle mensole dorate al rimando coloristico tra le diverse qualità di marmi pregiati che rivestono il fusto.

L’equilibrata composizione delle diverse parti ha fatto ipotizzare ad alcuni studiosi un intervento disegnativo dell’architetto Antonio Asprucci (Ferrara Grassi 1987; González-Palacios, Il gusto, 1993, I, p. 225). Si tratta di un’eventualità del tutto plausibile, dal momento che dal 1756, anno in cui Asprucci diventa architetto della famiglia Borghese, i due si sono trovati frequentemente a lavorare insieme e a condividere analoghi pensieri sull’ideazione degli arredi.

Sulla sommità dell’anima centrale del fusto in peperino, durante l’ultimo restauro sono stati riscontrati, per ciascun tavolo, due anelli in ferro, probabilmente predisposti in origine per la movimentazione (Minozzi, in Valadier, 2019, cat. 3, p. 190).

I due tavoli sono nella Villa Pinciana sicuramente dal 1833, quando furono inseriti tra i beni fidecommissari; collocati dapprima nella sala I, attuale sala della Paolina, sono stati spostati in seguito nella sala degli Imperatori, dove tuttora si trovano.

 

 

 

Sonja Felici

 

close
Provenienza
Open Chiudi

Marcantonio IV Borghese, 1773 (Archivio Segreto Vaticano, Archivio Borghese, f. 5294, n. 3169, in González-Palacios, Valadier, 1993, pp. 34-51); Inventario Fidecommissario Borghese, 1833, p. 44; Acquisto dello Stato, 1902.

close
Mostre
Open Chiudi

1997 Roma

2018-2019 New York

2019-2020 Roma

close
Restauri
Open Chiudi

1996 Opus
2018 diagnostica: Artelab; ENEA; restauro: C.B.C. coop

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

A. De Rinaldis, Arte decorativa nella Galleria Borghese, in “Rassegna della Istruzione artistica, VI, 1935, p. 319.

P. Della Pergola, La Galleria Borghese in Roma, Roma 1951, p. 14.

I. Faldi, Galleria Borghese. Le sculture dal sec. XVI al XIX, Roma 1954, p. 24, fig. 28.

L. Ferrara Grassi, Il Casino di Villa Borghese: i camini; note e documenti per l’arredo degli interni; la collaborazione di Agostino Penna e Vincenzo Pacetti, in Debenedetti E. (a cura di), Ville e palazzi. Studi sul Settecento romano, 3, Roma 1987, pp. 241-294.

A. González-Palacios, Valadier a Palazzo Borghese, in “Antologia di Belle Arti”, n.s., XLIII-XLVII, 1993, pp. 34-51.

A. González-Palacios A., Il gusto dei principi: arte di corte del XVII e del XVIII secolo, Milano 1993, pp. 340-.

A. Coliva, Galleria Borghese, Roma1994, pp. 316-317, fig. 168.

K. Herrmann Fiore, Guida alla Galleria Borghese, Firenze 1997, p.43.

A. González-Palacios, in L’oro di Valadier un genio nella Roma del Settecento, catalogo della mostra (Roma, Villa Medici, 1997), a cura di A. González-Palacios, Roma 1997, pp. 127-128, cat. 26.

A. González-Palacios, Addenda a Luigi Valadier, in “Gazette des Beaux-Arts”, CXXV, 2000, pp. 117-128.

P. Moreno, Chiara Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 131, fig. 6.

A. González-Palacios, Arredi e ornamenti alla corte di Roma 1560-1795, Milano 2004, pp. 342-345.

L. Valadier: splendor in eighteenth-century Rome, catalogo della mostra (New York, Frick Collection, 2018-2019), a cura di A. González-Palacios, New York 2018, pp. 418-421.

A. González-Palacios, I Valadier. Andrea, Luigi, Giuseppe, Milano 2019, pp. 164-165.

M. Minozzi, in Valadier. Splendore nella Roma del Settecento, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2019-2020), a cura di A. Coliva, G. Leardi, Milano 2019, pp. 190-191, cat. 3.

Schede di catalogo 12/01008666A, 12/01008666B, Giordano L., 1980; agg. Felici S., 2020.

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa