Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Testa di frate

ambito bolognese


L’opera è segnalata per la prima volta nel fidecommisso del 1833 come d’autore incognito. Il ritratto rivela l’importanza della riflessione artistica dei Carracci sulle esperienze pittoriche passate. In primo luogo Raffaello, dalla Disputa del Sacramento nella Stanza della Segnatura in Vaticano, la cui classicità e il cui idealismo vengono assimilati e accostati ai canoni naturalistici e illusionistici di Venezia e dell’Emilia, esemplificati dai modelli costituiti da Tiziano e da Correggio.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su carta riportata su tela, cm 31 x 22


Inventario | 155

Posizione | I depositi


Periodo | '600


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa