Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Venere, Amore e un Satiro

ambito veneto


Il dipinto proviene probabilmente dalla vendita del cardinale Sfondrati a Scipione Borghese (1608). Il soggetto, di natura mitologico-allegorica, è assai frequente in ambito veneziano durante il secolo XVI. Precedentemente riferito a un prototipo del Veronese, è attualmente ritenuto una tarda derivazione da un modello tizianesco, perduto ma documentato nel 1646, realizzato dall’artista cadorino per Galeazzo Relogio di Padova.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 117 x 110


Inventario | 124

Posizione | Sala 10 – Sala ​di Ercole


Periodo | '500


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa