Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Venere dormiente

Pennacchi Girolamo da Treviso II
(Treviso 1498 ca. - Bologna 1544)


L’attribuzione del dipinto a Girolamo da Treviso, assai controversa in passato, è oggi pressoché unanime.

Il soggetto, sottilmente ermetico e probabilmente connesso con le incisioni della Hypnerotomachia Poliphili, rimanda alla composizione della Venere di Dresda di Giorgione; la pienezza della figura, inoltre, richiama moduli quattrocenteschi. Sullo sfondo, dalle tipiche caratteristiche venete, è una città avvolta nel fumo, probabile metafora della passione, le cui fiamme spente non paiono interessare Venere, addormentata su un sottile lenzuolo, adagiato sulla nuda terra.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 130 x 213


Inventario | 30

Posizione | I depositi


Periodo | '500


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa