Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Catino ovale in granito

1783-1786

ambito romano


Il catino, ovale, dalla linea semplice e privo di elementi decorativi, è stato eseguito in granito orientale, una pietra che i romani importavano da cave situate nell’Egitto orientale. Esso poggia su una colonnina dello stesso materiale, dalla superficie levigata e priva di modanature. Dalla contabilità della famiglia Borghese sappiamo che il granito per eseguire la colonna è stato acquistato nel 1783, con l’intento evidente di creare un pendant per l’altro catino (inv. CCXIV),acquistato nel 1619 da Scipione Borghese come acquasantiera per la piccola cappella della Villa Pinciana. Dal 1786, infatti,entrambi i catini sono documentati nelle fonti nella sala VII. Nessuna notizia è stata rinvenuta nelle fonti relativamente alla provenienza o alla esecuzione del bacino, avvenuta probabilmente negli stessi anni.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | granito orientale


Misure | diametro cm 58


Inventario | CCIV

Posizione | Sala 7 – Sala ​Egizia


Periodo | '700 - '800


Tipologia | scultura


  • Scheda
  • Provenienza
  • Fonti e bibliografia
Scheda
Open Chiudi

La realizzazione del catino ovale con orlo rovesciato in granito orientale è da ritenersi avvenuta intorno al 1783, anno in cui è documentato il pagamento del materiale per l’esecuzione della colonnetta che lo sostiene (ASV, AB, 5848, Filza dei Mandati, 1783, n. 70, in Faldi 1954, p. 20, cat. 17, doc. II). Essa dovette rendersi necessaria per esigenze di simmetria nell’allestimento della sala Egizia, nella quale era stato spostato un altro catino, pressoché identico, fino a quel momento in uso nella cappella della Villa come acquasantiera. 

A partire dal 1786 (Giornale di Belle Arti, 52, p. 310) entrambi i manufatti sono documentati dalle fonti nella Sala VII, dove tuttora sono esposti.La presenza di numerose macchie nere di dimensioni diverse su un fondo di colore bianco grigiastro o rosato tipica del materiale e la linearità asciutta delle forme del vaso, d’altronde,si inseriscono perfettamente nell’allestimento pensato da Antonio Asprucci per tale sala.

Il granito orientale – che proviene dalle cave del Deserto Orientale dell’Egitto (Marchei, p. 220, cat. 70) – era comunemente noto come “Granito della Colonna”: la pietra deriva questo nome per essere stata usata nel frammento di sostegno di tavolino, identificato tradizionalmente come la colonna su cui fu flagellato Gesù, custodito nella Chiesa di S. Prassede in Roma. 

 

 

 

Sonja Felici

close
Provenienza
Open Chiudi

Acquisto di Marcantonio Borghese, 1783 (ASV, AB, 5848, Filza dei Mandati, 1783, n. 70, in Faldi 1954, p. 20, cat. 17, doc. II); Inventario Fidecommissario Borghese 1833, C, p. 50, n. 122. Acquisto dello Stato, 1902.

close
Fonti e bibliografia
Open Chiudi

Giornale di Belle Arti, 52, 30 dicembre 1786, p. 310.

L. Lamberti, E.Q. Visconti, Sculture del palazzo della Villa Borghese detta Pinciana, Roma 1796, II, p. 70.

A. Nibby, Monumenti scelti della Villa Borghese, Roma 1832, p. 96.

A. Nibby, Roma nell’anno MDCCCXXXVIII. Parte seconda moderna, Roma 1841, p. 919 s.

Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano del Palazzo della Villa Borghese, Roma 1854 (1873), I, p. 27.

A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 43 (CCIV).

A. De Rinaldis, Catalogo della Galleria Borghese in Roma, Roma 1948, p. 30.

P. Della Pergola, La galleria Borghese in Roma, Roma 1951, p. 20.

I. Faldi, Galleria Borghese. Le sculture dal sec. XVI al XIX, Roma 1954, p. 19, cat. 17.

M.C. Marchei, Granito della Colonna, in Marmi antichi, a cura di G. Borghini, Roma 1997, p. 220, cat. 70.

P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 174.

Scheda di catalogo 1201008613; Castiglioni F., 1980; aggiornamento Felici S., 2020.

close


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa