il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito

Diana e Atteone

Cesari Bernardino
(Arpino 1571 - Roma 1622)


Il dipinto è un probabile acquisto del cardinale Scipione Borghese. Menzionato in un poemetto che descrive la collezione scritto nel 1613, la tela reca sul sasso la firma del pittore. Si tratta di una copia fedele di un dipinto di analogo soggetto eseguito dal fratello di Bernardino, Giuseppe cesari detto il Cavalier d’Arpino, di cui esistono varie versioni. Di grande interesse è la presenza della firma dell’autore, al quale si possono riferire con certezza ben poche opere.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tela, cm 62,5 x 83


Inventario | 414

Posizione | I depositi


Periodo | '600


Tipologia | pittura