Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Resurrezione di Lazzaro

Tisi Benvenuto detto Garofalo, seguace
(Garofalo o Ferrara 1476 - Ferrara 1559)


Si tratta di una replica, identica per formato e dimensioni, della tavola documentata nella collezione del cardinale Scipione Borghese con l’attribuzione al Garofalo (inv. n. 238) e successivamente considerata opera di scuola. Il dipinto risulta registrato dagli inventari solo a partire dal 1790 e testimonia la fortuna goduta da tale soggetto, la cui versione più celebre è quella oggi esposta alla Pinacoteca Nazionale di Ferrara.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tavola, cm 64 x 42,5


Inventario | 243

Posizione | I depositi


Periodo | '500


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa