Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Ritratto di giovane donna come Santa Caterina d’Alessandria


Il ritratto, già assegnato a scuola raffaellesca nel fidecommisso, venne poi riferito a Santi di Tito e infine al Brescianino. Come tutta la produzione ritrattistica dell’artista, il dipinto si caratterizza per l’idealizzazione dei tratti fisionomici – favorita in questo caso anche dalla arcaicizzante posa di profilo – che compensa la scarsa capacità di penetrazione psicologica e introspettiva con la dolcezza e l’eleganza della resa formale. La presenza della ruota dentata, consueto attributo della santa alessandrina, posta accanto alla spalla destra della giovane dall’elegante acconciatura, si mostra elemento interessante per ipotizzare una commissione per una donna dal medesimo nome.


Scheda tecnica

Materia / Tecnica | olio su tavola, cm 39,5 x 28,5


Inventario | 88

Posizione | Sala 10 – Sala ​di Ercole


Periodo | '500


Tipologia | pittura




Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa