Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Sala ​dell’Aurora

Sala 15


La decorazione della volta fu realizzata da Domenico Corvi (1721-1803) nel 1782. Al centro tre tele rappresentano l'Allegoria dell’Aurora, i Crepuscoli dell’Alba e del Vespro. Medaglioni con segni zodiacali, busti di filosofi e finti bassorilievi monocromi con le stagioni e le relative allegorie, sono inseriti entro scomparti geometrici eseguiti da Giovan Battista Marchetti (1730-1800).

Sulle pareti sono decorazioni a grottesche su fondo oro con mesi, segni zodiacali e ventiquattro medaglioni con effigi degli uomini illustri dell’antichità. Il tema dominante della decorazione è lo scorrere del tempo, attraverso il giorno, i mesi e le stagioni.

Nella sala sono opere di artisti dell’area lombardo-veneta e ferrarese della prima metà del Cinquecento, tra  queste si segnalano l’Ultima Cena, l’Adorazione dei pastori Pecora e agnello di Jacopo Bassano (1515 ca.-1592), il Ritratto di giovane Tobiolo e l’angelo di Giovanni Girolamo Savoldo (1480 ca.- post 1548). Qui sono inoltre cinque dipinti di Dosso Dossi (1490 ca.- 1542), affiancati a opere del fratello Battista (1497-1548) e del figlio Evangelista (?-1586), che sottolineano la passione del cardinal Scipione per la pittura ferrarese del Cinquecento.

Al centro è la scultura in marmo nero antico di Alessandro Algardi raffigurante l’allegoria de Il Sonno, ispirato a un prototipo ellenistico di bambino dormiente.


I capolavori in Sala


I capolavori in Sala

mappa

Opere In sala

Opere attualmente non esposte


Torna alla Villa


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa