Il vostro Browser ha Javascript disabilitato. Attivalo per vedere correttamente il sito.

Sala ​delle Baccanti

Sala 12


Il camerino prende il nome dall'affresco al centro della volta che raffigura tre danzatrici racchiuse entro cornici di edera, decorate tutt'intorno da motivi floreali, ghirlande, festoni e strumenti musicali che ricordano le grottesche e gli stucchi delle antiche ville romane. L'autore, Felice Giani (1758-1823), lo realizzò tra il 1782 e il 1785, come una rielaborazione dell'antico, ispirandosi alle decorazioni della Domus Aurea e di Villa Adriana, che frequentò assiduamente.

La sala ospita alcune opere di provenienza nordica, appartenenti alla prima metà del XVI secolo, e altre di ambiente lombardo-veneto databili tra la seconda metà del XV e la prima metà del XVI secolo. Di particolare interesse tra i dipinti esposti la copia della Leda di Leonardo da Vinci (1452-1519) e il Ritratto di gentiluomo di Lorenzo Lotto (1480-1556), datato intorno al 1535.

Riguardo a quest'ultimo alcuni elementi hanno portato la critica a identificare il personaggio raffigurato con Mercurio Bua, principe epirota e uomo d'armi al servizio della Repubblica veneta; i due anelli che egli porta alla mano sinistra, l'abito nero e il volto sofferente ne indicherebbero la  condizione di vedovanza.


I capolavori in Sala


I capolavori in Sala

mappa

Opere In sala

Opere attualmente non esposte


Torna alla Villa


Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati per le finalità indicate nell'informativa ai soli fini dell'invio della Newsletter ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo per la Protezione dei dati personali (GDPR). Se vuoi ulteriori informazioni consulta l’informativa